5 eco-gadget per risparmiare energia in ufficio

di Jessica Ingrami del 4 marzo 2014

Per essere eco-friendly non è necessario installare grandi sistemi di risparmio energetico, ma basta applicare ogni giorno piccoli e semplici accorgimenti, sia nell’ambiente domestico che in quello lavorativo.

L’ufficio, in particolar modo, è uno dei luoghi con il maggior spreco energetico, a causa di tutti i dispositivi elettronici che rimangono in stand by o accesi anche quando l’utente si allontana.

SCOPRI COME… Fare esercizio mentre si lavora: ecco alcune scrivanie insolite

Per ricordarci quali sono i comportamenti virtuosi da applicare, ci vengono in soccorso cinque comodi  eco-gadget da ufficio.

Ecobutton. Uno strumento per rendere efficiente dal punto di vista energetico il pc, soprattutto nei momenti in cui è inattivo: una volta connesso attraverso cavo USB, l’ecobutton attiverà la modalità più economica disponibile a seconda dell’attività svolta. Un tasto qualsiasi permette di attivare il computer che altrimenti sarà in stand by.

Solar Gorilla. Si tratta di un kit di ricarica portatile per alimentare il pc attraverso l’energia solare. Questo prodotto è composto da pannelli solari in grado di generare 10 W in presenza di luce diretta del sole:  una potenza sufficiente per ricaricare un buon numero di dispositivi elettronici.

LEGGI ANCHE:

Calcolatrice attivata con acqua. I calcoli non saranno più un problema con la calcolatrice alimentata ad acqua: le batterie richiedono semplicemente una dose di umidità per attivare, all’interno, le particelle di carbonio in grado di produrre energia. Una volta riempita con acqua di rubinetto, la calcolatrice rimarrà in funzione per 2-3 mesi.

Lampade a basso consumo. Da anni si parla di lampadine a risparmio energetico ma sono ancora tante le aziende che non si sono dotate dei nuovi sistemi di illuminazione. I vantaggi sono molteplici, sia in termini di consumo, sia nella durata, così da poter utilizzarle per molte ore e cambiarle meno frequentemente rispetto a quelle tradizionali.

Sistemi di gestione energetica. Se il risparmio energetico è uno degli aspetti su cui l’azienda intende investire, deve essere in grado di controllare i propri consumi e la loro ripartizione. A questo scopo, esistono dei sistemi di gestione dell’energia (EMS ), ovvero software dedicati in grado di restituire in tempo reale i dati richiesti. In questo modo, diventerà semplice elaborare un piano energetico efficace e apportare eventuali modifiche laddove il consumo di energia è più alto. Tali software permettono di analizzare il consumo energetico per evidenziare quando e dove si stia sprecando energia, quanto se ne stia sprecando e cosa si può fare per limitarne il consumo.

E voi quali trucchi conoscete per risparmiare energia e diminuire il costo delle bollette?

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *