A cosa serve la tintura madre

di Elle del 2 settembre 2014

Quando si cerca un rimedio erboristico spesso ci si imbatte in quwesto preparato: ma vi siete mai chiesti a cosa serve la tintura madre?

In ambito fitoterapeutico la tintura madre (o estratto idroalcolico) rappresenta un rimedio erboristico ottenuto a partire da materie prime, note come droghe; in questo modo  si possono avere in forma liquida (più o meno acquosa, in base al tipo di solvente utilizzato) tutte le proprietà terapeutiche attribuite a quella pianta da cui la tintura madre viene ricavata, conservandola anche al meglio e favorendo l’assorbimento dei principi attivi.

POTREBBE INTERESSARE: 5 rimedi naturali per l’ansia

Per preparare la tintura madre si lascia macerare lentamente a freddo la parte normalmente utilizzata della pianta (foglie, radici, fiori, cortecce, semi e resine) nel solvente (di solito l’alcol opportunamente ridotto di gradazione) così da estrarne le proprietà fitoterapeutiche.

I vantaggi della tintura madre sono legati al suo possibile uso prolungato e alla migliore conservazione, grazie all’alcool in essa contenuto; la tintura madre è anche facile da impiegare per trattare e curare da soli alcuni disturbi.

Si può ingerire, preferibilmente lontano dai pasti, diluita in acqua o con altri ingredienti, preferibilmente evitando di mischiare due tipi di tintura madre per scongiurare eventuali effetti di interazione.

LEGGI ANCHE: Guida all’uso della propoli per le terapie naturali

Si tratta inoltre di un prodotto facile da reperire in erboristeria ad un prezzo conveniente.

D’altro canto, tuttavia, ci sono anche svantaggi come il fatto di non conoscere bene il tipo e la concentrazione di principio attivo presente nel preparato (non sono titolate né standardizzate).

Per questo è meglio sempre chiedere consiglio ad uno specialista in caso di somministrazione, con estrema cautela soprattutto per i bambini. Ricordatevi comunque che la tintura madre è sconsigliata per le donne in gravidanza e allattamento così come per chi è affetto da patologie epatiche o per chi ha problemi con l’alcool.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *