A scuola in campagna, nelle fattorie didattiche

di Claudio Riccardi del 14 ottobre 2013

Nelle oltre 1.300 fattorie didattiche sparse per l’Italia, e nei diversi orti didattici delle coittà italiane nel corso del nuovo anno scolastico oltre 1 milione di bambini delle scuole materne, elementari e medie potranno vivere da vicino la realtà contadina.

Da alunni ad agricoltori di ortaggi biologici grazie all’accordo tra Coldiretti e Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per promuovere un’educazione all’ambiente, che si concretizza attraverso la campagna “Educazione alla Campagna Amica”.

Così si avranno lezioni e laboratori pratici direttamente in fattoria, dove saranno affrontati i temi tipici del vivere in campagna  come pure l’educazione alimentare. Saranno infatti le fattorie didattiche, grazie ad attività pratiche e alla conoscenza diretta ad insegnerare ai piccoli l’abc dellla campagna, come coltivare, seminare, curare gli animali ma anche fare il pane e il formaggio, conoscere il ciclo delle api e tante altre esperienze reali del mondo agricolo.

SCOPRI ANCHE: Vacanze scolastiche in fattoria: la proposta del Veneto

L’idea è di sensibilizzare fin da piccoli i nostri figli al rispetto delle norme e dei valori ambientali, al lavoro agricolo e alla corretta alimentazione.

I vantaggi sono molteplici, accanto a giornate all’aria aperta, in un contesto naturale, i bambini avranno l’occasione per confrontarsi anche con il mondo degli animali e della loro trasformazione in cibo, che per molti ancora è strettamente connesso al solo supermercato. Saranno anche introdotti attraverso laboratori ad hoc i principi della stagionalità, dei prodotti locali e di una corretta e sana dieta che comprende tutti i cibi e non solo junk food e merendine.

Speriamo che i piccoli portino a casa un bagaglio di informazioni che li accompagni per la vita. Sono le nuove generazioni che devono essere sensibili ai valori importanti come la corretta alimentazione e al rispetto dell’ambiente.

Sull’argomento leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *