A Torino i soldi delle multe vanno ai ciclisti

di Elle del 21 ottobre 2013

Anche Torino diventa finalmente una città ospitale per il popolo dei ciclisti: gli amanti delle due ruote, infatti, potranno contare sullo stanziamento di 2 milioni annuali (fino al 2020) approvato dal Comune per rendere il capoluogo piemontese a misura di ciclista.

LEGGI ANCHE: Italiani popolo di ciclisti?

Questi fondi, di cui il 15 % sarà stanziato per il tema molto sentito della sicurezza ciclistica, provengono dai soldi riscossi dalle casse comunali per verbali di infrazioni del codice della strada.

La sicurezza potrà essere quindi assicurata con il completamento delle direttrici che attraverseranno Torino e con la revisione dei collegamenti e degli attraversamenti degli incroci.

LO SAPEVI?  I ciclisti sono i pendolari più felici

L’emendamento firmato dai delle Commissioni Ambiente e Viabilità e dagli assessori, è nato dopo le pressanti richieste rivolte all’Amministrazione dopo l’edizione 2013 del Bike Pride, manifestazione a cui hanno partecipato oltre 30.000 ciclisti lungo un corteo di 8 km che ha festosamente invaso il centro della città per chiedere all’amministrazione una mobilità ”nuova e intelligente”.

Si tratta, quindi di un importante risultato ottenuto dal basso e che fa ben sperare sulla possibilità anche per l’Italia di adottare un mezzo eco-friendly come la bicicletta per i propri spostamenti quotidiani potendo contare su una maggiore sicurezza su strada.

SCOPRI QUESTO GADGET SULLA SICUREZZA:Lumigrid: illuminazione di sicurezza a LED per i ciclisti

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *