Affitta il jeans invece di comprarlo!

di Jessica Ingrami del 1 aprile 2013

La filosofia vincente del riutilizzo e del riciclo sta affascinando e coinvolgendo sempre più persone nei più disparati settori di mercato. “Lease a Jeans” è l’iniziativa di Bert Van Son, un imprenditore olandese, convinto che  in futuro l’affitto di un capo di abbigliamento potrebbe diventare un’abitudine diffusa.

Bert Van Son è il creatore del biomarchio Mud Jeans, capi confezionati in cotone organico di alta qualità proveniente dalla Turchia e considerati ecosostenibili. Secondo l’imprenditore, per ogni paio di jeans prodotto si utilizzano 70 litri d’acqua e i processi di coltivazione intensiva del cotone portano all’utilizzo massiccio di fertilizzanti e sostanze tossiche.

Il noleggio dei jeans, piuttosto che il loro acquisto, ha lo scopo di poter controllarne il ciclo di vita e riciclare o riutilizzare il tessuto che li compone, in modo da dare una seconda vita ai prodotti.

L’iniziativa è organizzata in questo modo: si paga una cifra di 20 euro per l’accesso al programma e 5 euro mensili per la durata di un anno; terminato l’anno di affitto del jeans, l’utente può decidere se restituire il jeans oppure tenerselo pagando altri 20 euro e 4 mesi di canone; quest’ultima possibilità prevede, inoltre, di poter cambiare modello e colore del jeans.

Considerato che alcuni studi dimostrano come un jeans utilizzato per un periodo di circa un anno poi venga relegato nel fondo dell’armadio o cestinato, quella di Van Son non appare una cattiva idea e sembrano pensarla così anche i numerosi giovani che, in Olanda, hanno già aderito con entusiasmo all’iniziativa.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *