Anche gli animali giocano al dottore

di Luca Scialò del 2 maggio 2013

Nell’ultimo numero di Science è stato pubblicato un articolo alquanto curioso, come del resto spesso succede sulla rivista. Molti animali si preparerebbero da soli i “medicinali” per la propria salute o prenderebbero precauzioni contro infezioni e parassiti, mediante erbe, ma anche alcol e nicotina.

Alcuni esempi? In primis scimpanzé, bonobo, gorilla, che utilizzano le foglie ruvide per eliminare i parassiti dai propri intestini.

Quanto agli insetti, le farfalla monarca, quando patisce alcune infezioni, depone invece le proprie uova su determinati tipi di erba al fine di esentare i propri discendenti da eventuali patologie collegate.

FOCUS: le incredibili migrazioni della farfalla monarca

I moscerini della frutta bevono alcol per evitare e trattare eventuali infezioni. Il lanoso orso bruco ingerisce piante che sono tossiche per i parassiti. La formica del legno invece crea nidi con resina antimicrobica. La mosca della frutta depone le proprie uova nell’alcol derivante dalla frutta fermentata per proteggere i suoi piccoli dalle vespe parassite.

Ancora, le api coprono i loro alveari con la resina antimicrobica degli alberi.

LO SAPEVI? Da quest’anno, soccorrere gli animali è diventato obbligatorio per legge

Per quanto concerne gli uccelli, poi, questa è davvero curiosa: uccelli come passeri e fringuelli in città aggiungono mozziconi di sigaretta ai loro nidi, per ridurre le infestazioni di acari. La nicotina è infatti molto efficace contro i parassiti.

Queste accortezze del mondo animale possono essere un’idea anche per possibili cure destinate agli uomini. In fondo gli animali hanno inventato i medicinali molto prima di noi.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *