Approvati 2100 nuovi aromi artificiali per il cibo: ma è sempre meglio sapere cosa c’è nel nostro cibo.

di Elle del 8 novembre 2012

Ormai molti dei cibi che normalmente acquistiamo si rivelano ricchi di aromi artificiali in grado di modificare il gusto e l’odore degli alimenti.
Possiamo trovarli un po’ ovunque: dalle bevande ai dolci, dai cereali allo yogurt.

Oltre ai numerosi additivi già presenti in commercio, a inizio ottobre di quest’anno è stata approvata l’introduzione di altre 2100 nuove sostanze aromatizzanti, di cui 400 resteranno sul mercato fino alla conclusione delle opportune valutazioni realizzate dall’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare).

E’ bene ricodare che, affinchè le sostanze possano essere effettivamente ammesse, non devono presentare alcun rischio per la salute e il loro utilizzo non deve trarre in inganno il consumatore.

Le sostanze aromatizzanti non autorizzate, invece, devono essere ritirate dal mercato dalle autorità nazionali competenti entro i limiti di tempo definiti.
Tra le sostanze in grado di aromatizzare gli alimenti rientra l’aspartame, recentemente oggetto di discussione per le potenzialità tossiche di questo additivo alimentare.

Di fatto, l’introduzione di leggi più rigide e trasparenti in merito alla sicurezza alimentare è un passo necessario per garantirci la massima serenità quando mangiamo; ciò non toglie che preferire, quando possibile, alimenti freschi a quelli industriali è sovente una scelta più salutare.

Leggi anche:

{ 1 comment… read it below or add one }

Edmondo marzo 3, 2015 alle 6:16 pm

Vorrei realizzare degli estratti es. limone, fragole, arance, da poter aggiungere allacqua e dare origine a bibite o tisane senza zucchero. Se posso acquistarli?
Ho fatto io un estratto di bucce di limone con aggiunta di succo di limoni ed ho usato, come
conservante il 25% di alcool puro. Vorrei qualcosa di già pronto. Grazie

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *