Arriva il 9 maggio il nuovo Giretto d’Italia 2013

di Martina Pugno del 7 maggio 2013

Ecco una competizione che tutti gli amanti della bicicletta possono vincere, anche senza allenamento: il 9 maggio 2013 si terrà infatti in tutte le principali città la nuova edizione del Giretto d’Italia, organizzato da Legambiente in collaborazione con Fiab e Città in Bici. A vincere non saranno i ciclisti più veloci ma i più numerosi: l’imperativo dunque non è pedalare a spron battuto ma semplicemente pedalare.

SCOPRI COME: Bici in Metro Roma e Milano: posso portare la bicicletta

L’iniziativa ha, infatti, lo scopo di incentivare gli spostamenti urbani tramite la bicicletta e sensibilizzare nei confronti della mobilità sostenibile. Per questo, nella mattinata del 9 maggio le associazioni coinvolte costituiranno dei check point per monitorare l’utilizzo, da parte dei cittadini, dei diversi mezzi di trasporto all’interno della città. A vincere sarà quindi il centro urbano che vanterà il maggior numero di “pedalatori”.

LO SAPEVI CHE… Vai al lavoro in bici? Allora sei più in salute!

Sono 23 i Comuni italiani pronti a sfidarsi a colpi di pedalate, mentre il traffico ciclistico e automobilistico verrà monitorato nella fascia oraria compresa tra le 7.30 e le 9.30. In ogni città che aderisce verranno istituiti 3 postazioni di controllo presso cui verrà assegnato un punto per ogni ciclista di passaggio, un bonus per ogni pedone e una penalità per ogni automobile o scooter.

Ogni paese potrà scegliere liberamente come incentivare l’uso della bicicletta e favorire un elevato passaggio delle due ruote nelle aree dei check point, per raggiungere l’obiettivo finale.

PER ESSERE SICURI: Project Aura per la sicurezza in bici di notte

Il Giretto d’Italia si svolgerà quindi con il proposito di una sensibilizzazione bidirezionale: da una parte le associazioni che l’hanno organizzato vogliono incentivare la bici per gli spostamenti urbani; dall’altra puntano ad attirare l’attenzione delle Amministrazioni locali affinché si impegnino a rendere le aree urbane sempre più a portata di ciclisti, con più piste dedicate e soprattutto percorsi più sicuri,

Anche le norme di regolamentazione del traffico devono garantire la sicurezza, e questa è la richiesta principale dei tanti italiani che sognano una città a misura di pedali e che purtroppo si scontrano quotidianamente con una realtà ben diversa.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *