Aziende: essere ecologici rende attraenti per gli investitori

di Jessica Ingrami del 23 febbraio 2013

Sin da quando fu installato il primo pannello solare, il settore delle energie rinnovabili non ha subito battute d’arresto, anzi, la sua attrattiva per gli investitori ha continuato a crescere. Ed è esploso con la diffusione dell’eolico e delle biomasse. Secondo il Cleantech Venture Network, il mercato statunitense delle fonti rinnovabili ha raccolto investimenti per 8,99 miliardi di dollari (6,65 miliardi di euro) solo nel 2011, registrando una crescita del 13% per questo settore, considerato emergente.

LEGGI ANCHE: Le 15 aziende più green degli USA

La maggior parte degli investimenti sono destinati a grandi progetti energetici e arrivano dagli istituti di credito o da programmi di finanziamento. Questa tendenza, però, sta lentamente cambiando in favore di un’ottica più locale e diversificata: una nuova generazione di piccoli progetti energetici sta finalmente invadendo i mercati occidentali, rendendo irresistibili tutte quelle aziende che abbracciano fonti di energia pulita.

Il cambiamento è stato possibile grazie al crescente interesse verso queste nuove tecnologie ‘amiche dell’ambiente’ ma soprattutto grazie al calo dei costi legati all’installazione dei progetti, senza inficiare il loro rendimento ventennale classificato tra il 14% e il 16% dell’investimento iniziale.

Quello energetico è uno dei mercati più grandi e redditizi sia negli Stati Uniti che in Europa, tanto che lo scorso anno sono stati destinati più fondi all’energia pulita che a quella convenzionale, come petrolio, gas e carbone. Negli USA la maggior parte dei finanziamenti derivano da fondi pensione, assicurativi e piccoli fondi di investimento privati. In Europa sono soprattutto incentivi statali.

APPROFONDISCI: Anche senza sussidi le rinnovabili quasi competitive con fonti

È invece pressoché nulla la presenza di investitori di grosso calibro, soprattutto a causa dei media, che diffondono notizie non veritiere sulla non efficienza di questi progetti, e per la mancanza di approfondite analisi di mercato su questo specifico settore.

Questo è un vero peccato, perché gli investimenti in progetti di energia pulita possono generare un rendimento costante per molti anni, sia per il finanziatore, sia per l’ambiente: guadagni regolari per il primo e meno emissioni di anidride carbonica per il secondo.

Fortunatamente in Europa e ora anche in molti stati americani si comincia a comprendere il duplice vantaggio e a prevedere sempre più incentivi per chi deciderà di sostenere e installare sistemi di energia rinnovabile. Questo dovrebbe accendere i riflettori su un mercato in espansione ma ancora troppo poco diffuso su scala internazionale.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *