Batteria al rabarbaro: un progetto anche Italiano

di Luca Scialò del 23 novembre 2015

Una batteria al rabarbaro? Non è uno scherzo, ma un’innovazione brevettata che presto farà il suo debutto sul mercato, vediamo tutti i particolari e anche perché c’è molta Italia dietro a questo progetto.

Il rabarbaro è la bevanda preferita da Trinchetto, il papà del mitico Braccio di ferro. Ma potrebbe esserlo per tantissime altre persone, dopo aver letto questa notizia.

I ricercatori dell’Università di Harvard, in collaborazione con le nostre Università di Tor Vergata e Fondazione Bruno Kessler di Trento, hanno ideato batterie al rabarbaro in grado di immagazzinare l’energia rinnovabile in eccesso a basso costo. Senza utilizzare materiali inquinanti o costosi e rari come il vanadio.

Come è possibile? Vi starete chiedendo. La nuova tecnologia si basa infatti sul chinone, una molecola a base di carbonio che può essere estratta facilmente proprio dalle piante di rabarbaro.

Le cariche elettriche vengono catturate dagli elettroliti contenuti in una soluzione liquida. L’anodo è composto da chinoni diluiti in acido solforico, mentre il catodo sfrutta le proprietà del bromo. La batteria a flusso stocca l’energia in serbatoi chimici.

SPECIALE: Come allungare la vita delle batterie: consigli utili

Queste particolari batterie al rabarbaro sono state in realtà già presentate dai ricercatori di Harvard nel 2014, ma ora la notizia è che la Green Energy Storage, azienda italiana con sede a Roma, ha acquistato il brevetto dall’ateneo americano. E sta già sviluppando batterie con potenza superiore al kilowatt da commercializzare in tutta Europa.

batteria al rabarbaro

batteria al rabarbaro: chi l’avrebbe mai detto che dal rabarbaro si potesse ricavare una soluzione per batterie più sostenibili?

Obiettivo dell’azienda è di lanciare sul mercato questa batteria al rabarbaro entro il 2017, dapprima per uso domestico, poi per fini industriali. Se ciò avvenisse, famiglie prima e aziende poi ne trarrebbero grandi vantaggi in termini economici e di sostenibilità. Prosit!

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *