Lucuma: benefici, proprietà e modi di utilizzo

di Stefania Luccarini del 17 gennaio 2017

Scoprite tutte le proprietà e gli utilizzi della lucuma grazie alla nostra utile guida.

La lucuma (pouteria lucuma) è il frutto di un albero originario delle valli andine peruviane. Viene coltivata anche in Cile ed Ecuador e appartiene alla famiglia delle sapotaceae.

Questo frutto si presenta di forma oblunga e di dimensioni non molto grandi. Infatti, al massimo raggiunge il peso di appena 200 g. 

Il sapore molto intenso è un incrocio fra lo sciroppo d’acero e la patata dolceLa consistenza invece varia a seconda del grado di maturità del frutto. Presenta una buccia sottile e di colore verde se acerbo. Quando è maturo diventa invece di colore marroncino e la polpa, asciutta e farinosa, simile al tuorlo d’uovo, assume un colore giallo arancio.

Leggi anche: Esistono alternative naturali allo zucchero i dolcificanti naturali

Dal frutto essiccato della lucuma, si ricava una polvere che, per le sue benefiche proprietà viene definita come “oro degli Inca”. E’ questa polvere a venire utilizzata, soprattutto in cucina come dolcificante.

Le caratteristiche della polvere di lucuma

Tra le principali caratteristiche della polvere di lucuma spicca il fatto che sia priva di glutine. Si tratta dunque di una ottima scelta per coloro che soffrono di celiachiaHa un indice glicemico basso e perciò può essere impiegata anche dai soggetti diabetici. Inoltre, è ricca di fibre e carboidrati necessari per il benessere di tutto l’apparato gastrointestinale.

Contiene sostanze benefiche come betacarotene, vitamine B1, B2, B3 e B5, sali minerali (in particolare potassio, ferro, calcio e fosforo) nonché fibre e carboidrati.

Il principio attivo della lucuma è la niacina. Essa ricopre un ruolo importante nel tenere a bada i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

lucuma

Il dolcissimo frutto peruviano della lucuma

Alcuni studi condotti dall’Università del New Jersey, hanno evidenziato nell’estratto di lucuma un potente effetto antiossidante e antinfiammatorio. Si caratterizza dunque per essere un agente utile ad intervenire nella guarigione delle ferite e nell’invecchiamento cutaneo in generale.

 

Come utilizzare la polvere di lucuma

Il modo migliore è quello di utilizzarla come dolcificante. Si tratta di un dolcificante idoneo anche per i soggetti diabetici, visto che vanta un indice glicemico molto basso. In generale, è indicata anche per tutti coloro i quali vogliono evitare i dolcificanti artificiali.

Per l’estrema dolcezza, simile a quella dell’acero, è ottima in tutte le preparazioni di pasticceria in sostituzione dello zucchero raffinato: creme, torte, gelati, frullati, budini ma anche in tutti quei piatti che necessitano consistenze cremose.

L’alto contenuto di amido infatti fa in modo che possa essere impiegata anche come farina. Provatela allora anche nelle bevande calde o nello yogurt, gusto e salute vi ringrazieranno!

Ma dove potete trovarla? In genere, in tutti i negozi di alimentazione naturale, vicino alla stevia, allo sciroppo d’acero e di mais.

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *