In bici per gustarsi la città

by La Ica on 1 maggio 2016

L’azienda vicentina Askoll ha presentato i suoi nuovi veicoli ‘puliti’: uno scooter elettrico e una bici con pedalata assistita. Noi di Tuttogreen abbiamo provato la bicicletta sul terreno accidentato di Milano, fatto di buche, pavé e rotaie del tram… e guardate cos’abbiamo scoperto!

I nuovi modelli di bici elettrica eB1 ed eB2 si comportano piuttosto bene in mezzo al traffico; la scocca in alluminio infatti promette velocità ed agilità, dato che per il modello unisex il peso non supera i 22 kg, mentre per l’olandese da uomo si toccano appena i 21,5 kg.

La potenza nominale di 250 W permette di pedalare fino a 25 km/h con entrambi i modelli, per un massimo di 100 km con una ricarica di 5 ore: in pratica pesa in bolletta quasi quanto una stampante in stand-by!

LEGGI I 10 buoni motivi per passare allo scooter elettrico

La batteria poi è estraibile, pesa poco più di 2,5 kg e può essere collegata ad una comune presa elettrica domestica.

Quanto al design, le nuove due ruote Askoll non sono male. Linee semplici e moderne, per una bici essenziale ma elegante; la seduta è ideale per spostamenti a lunga percorrenza, inoltre entrambe le versioni base sono dotate sia di luce anteriore che posteriore, per effettuare sgambettate sicure anche in notturna.

Askoll eB1_eB2

Sulla parte anteriore di Askoll eB1 ed eB2 si trova il vano per estrarre e riporre la batteria da 250 W

Ma Askoll permette di scegliere anche tra molteplici variazioni di colore e una vasta gamma di accessori che vanno dal casco a cestino e portapacchi, e dal seggiolino per bambini alla pompa per gonfiare le ruote.

Come funziona: per avviare la pedalata assistita e migliorare così la velocità in base alle condizioni del terreno o del proprio fisico, basta cliccare sul pulsante di spegnimento-accensione posto sul mini-computer di bordo attaccato al manubrio; se lasciato spento, la due ruote è utilizzabile come una normale bici, ma se si preme il pulsante ‘+’ a bici ferma, questa si sposterà da sola uscendo dalla rastrelliera.

Il ‘programma 1′ è inoltre ideale per muoversi in modalità passeggiata, mentre ilprogramma 4′ aiuta a ripartire con più slancio, a zigzagare nel traffico come un biker newyorchese o ad affrontare una salita con il minor sforzo.

Askoll_eB1 computerino di bordo

Il mini-computer di bordo, a portata di dita, consente di passare agevolmente da un programma di pedalata assistita ad un altro

APPROFONDISCI: Bici elettriche: il listino completo di modelli e prezzi

Chi lo ha detto che i mezzi di trasporto alternativi sono lenti? eS1 e il biposto eS2 sono due scooter elettrici, leggeri e scattanti, con cui è possibile raggiungere i 45 km/h. Per ricaricarli bastano 3 ore con un dispendio minimo di energia (1 kWh!), e viaggiare così in autonomia fino a 100 km; in caso di viaggi più lunghi, nella parte anteriore di eS1 si trova il vano apposito in grado di alloggiare un’altra batteria agli ioni di litio.

Il punto dolente restano i prezzi. La spesa base per eB1 è di 1.290 euro, anche per la versione bicolor, ce ne vogliono circa 1.500 per eB2 e più di 2.200 per portare a casa eS1; eS2 invece, si può ottenere con poco meno di 3.000 euro. Quelli di Askoll potrebbero sembrare dei costi poco democratici, ma di fatto sono in linea con quelli delle altre e-bike e scooter elettrici presenti sul mercato.

La riflessione sul prezzo è importante perché dal punto di vista della performance e della tecnologia, dei consumi e della sicurezza stiamo parlando di mezzi comodi e interessanti. Ma in generale, e questo vale per tutti, senza incentivi e con prezzi oltre i 1000 euro, è difficile che le bici elettriche diventino popolari, sebbene siano perfette per la città e per l’ambiente.

Askoll eS2

eS2 è lo scooter elettrico biposto di Askoll. Ha una potenza da 2700 W, per percorrere fino ad 80 km con 3 ore di ricarica

Per gli scooter elettrici invece, oltre al vantaggio di circolare con un mezzo poco inquinante, anche in aree urbane a traffico limitato, il discorso è diverso: godono di incentivi economici succulenti, ovvero esenzione del bollo per i primi 5 anni ed RC fino al 50% in meno rispetto ad un motorino tradizionale.

E nel 2017, Askoll si prepara a lanciare la sua prima utilitaria a motore elettrico. Un motivo in più per passare all’elettrico!

Potrebbero interessarti anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *