BMW vuole rendere ibrida tutta la sua gamma di auto

di Jessica Ingrami del 13 gennaio 2014

La casa automobilistica tedesca apre definitivamente alle energie pulite: il suo grande obiettivo è quello di convertire all’ibrido, ed in particolare all’ibrido “plug-in”, l’intera gamma dei modelli BMW.

Per chi non lo sapesse, breve digressione sull’ibrido plug-in, una delle nuove tipologie di alimentazione ibrida, particolarmente innovativa nella sua versione Full-Hybrid: si tratta di automobili le cui batterie possono essere ricaricate attraverso la presa elettrica domestica o le apposite colonnine di carica: auto, quindi, per le quali non è più indispensabile utilizzare il motore termico per ricaricare le batterie. Il primo modello Plug-in arrivato sul mercato italiano è la Toyota Prius Plug-in, di cui abbiamo già scritto in un precedente articolo (VEDI APPROFONDIMENTO).

SPECIALE: Auto ibride 2015, il listino aggiornato

A ciò si accompagna la messa sul mercato del primo prototipo 100% elettrico e a zero emissioni di BMW, iniziata di recente: si tratta della BMW i3, una city car compatta ideale per muoversi nei centri urbani; successivamente, si passerà alla versione più sportiva i8, attualmente ancora in fase di sviluppo.

BMW è decisa a lanciare segnali importanti di impegno e innovazione: in cantiere esiste già l’idea di convertire ad energia elettrica anche il SUV X5.

L’idea di base del progetto è che il passaggio alle auto ibride sia una mossa fondamentale per arrivare ad un modello virtuoso di mobilità eco-sostenibile e sembra essere proprio questo il momento storico ideale per imporsi sul mercato delle auto ibride.

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *