Cambiare auto è più eco-friendly che tenersi la vecchia?

di Alessandra Mambri del 22 gennaio 2013

Prima di cambiare auto occorre valutare numerosi aspetti soprattutto se la scelta nasce in un’ottica eco-friendly. Infatti bisogna considerare che sia la costruzione che lo smaltimento di un’automobile comportano notevoli costi ambientali.

Si può dire che, paradossalmente, in termini di ulteriori emissioni di CO2 è più green mantenere in buono stato la propria vecchia auto invece che cambiaral con una nuova, anche se meno inquinante più efficiente. Purché ovviamente non si passi alla bici o non se ne ricompri una nuova…

Non parliamo solo delle classiche auto a benzina ma anche delle auto elettriche e ibride (le cosiddette ecologiche) che nonostante la notevole riduzione delle emissioni di gas serra e una migliore resa chilometrica, in relazione alla loro produzione hanno comunque un impatto ambientale elevato simile alle auto tradizionali.

LO SAI CHE COS’E’? Car fluff, l’ultimo riciclo dell’auto

Diciamo subito che -secondo diverse ricerche – già il 28% delle emissioni legate all’intero ciclo di vita di un’auto tradizionale a benzina  provengono dalla sua produzione e trasporto dalla fabbrica al salone di vendita. Il resto è frutto della sua guida. E questo non si discosta molto anche per le elettriche e le ibride. Anzi, queste ultime sono forse ancora più emissive in fase produttiva.

Parlando di un’auto già in nostro possesso il vero impatto ambientale a questo punto è legato al mantenere la propria vettura, rivenderla, farla rottamare e anche nel venderne alcuni i pezzi come ricambi.

In una vettura ibrida le nemiche principali dell’ambiente sono le batterie, che immagazzinano energia per la trasmissione, e i due motori: la produzione di entrambi aumenta le emissioni di CO2. Mentre nel caso dei i veicoli elettrici le“emissioni zero” sono realistiche solo se l’energia per la ricarica è fornita da fonti rinnovabili e non ad una centrale a carbone, cosa ancora molto diffusa.

VAI A: Auto elettriche 2012, il listino aggiornato

A questo punto, non resta che valutare il tipo di efficienza e i possibili risparmi di carburante legati al proprio stile di guida per l’auto che abbiamo in garage.

Andando sul web si possono scovare diversi siti adatti allo scopo: il governo USA gestisce FuelEconomy.gov che dal 1985 fornisce statistiche di efficienza del carburante per centinaia di veicoli.

In Italia il sito dell’ACI permette di individuare i costi del carburante e di esercizio divisi per marca e modello.

Siti come TrackYourGasMileage.com e MPGTune.com possono aiutare a monitorare il chilometraggio e fornire suggerimenti per migliorare l’efficienza nel consumo di carburante a seconda di marca e modello del veicolo.

LEGGI ANCHE: Auto elettriche, paese che vai bonus che trovi

MyMileMarker.com permette anche di fare previsioni sul chilometraggio annuo, i costi da sostenere e come aumentare l’efficienza  in base alle proprie abitudini di guida.

Se si dispone di un iPhone, è possibile tenere traccia delle emissioni di anidride carbonica dell’auto con Greenmeter, una app che utilizza numerose variabili per effettuare i suoi calcoli on-the-go, come lo stile di guida, le condizioni meteo, il costo del carburante, il peso del veicolo e molto altro ancora.

Bisogna quindi valutare tutte le opzioni prima di decidere di sostituire l’automobile, se si deve semplicemente cambiare veicolo per averne uno che abbia maggiore risparmio di carburante o per altri motivi, allora è possibile optare per l’acquisto di una macchina usata, magari con un chilometraggio più basso e un’efficienza maggiore di quella che possediamo.

Da un punto di vista ambientale rinviare gli acquisti di automobili, e in generale la cosa vale per qualsiasi altro oggetto che deve essere smaltito, presuppone una sana coscienza ecologica proiettata a mantenere ciò che è già costruito fuori dal flusso dei rifiuti ed permette di ritardare i costi ambientali aggiuntivi legati alla costruzione di qualcosa di nuovo.

Quindi pensateci bene, forse mantenere in buona salute il nostro vecchio catorcio potrebbe esserela scelta più rispettosa… a meno che non si decida di usare solo la bici, ovviamente!

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *