Caraffa filtrante per l’acqua: sì o no?

di Salvo del 18 marzo 2017

Davvero utile o puro marketing? La caraffa filtrante è il classico prodotto su cui si sviluppa un dibattito infinito. Vediamo le cose da sapere per orientarsi correttamente.

Caraffa filtrante per l’acqua: sì o no? Come sempre, a domanda, risposta.

Cominciamo scacciando un pregiudizio. L’Italia è uno dei paesi al mondo con il maggior consumo di acqua potabile in bottiglia. Questo perché è diffusa l’opinione che l’acqua del rubinetto non sia adatta ad essere bevuta.

Un’opinione che non risponde a verità in quanto l’acqua degli acquedotti delle nostre città  è controllatissima e spesso anche più sicura di quella imbottigliata.

  • Nelle acque in bottiglie di plastica o vetro infatti è possibile il rilascio di sostanze dannose, sia da parte della stessa plastica stessa, che da parte dei detergenti utilizzati per disinfettare i recipienti di vetro.
  • Inoltre l’acqua di rubinetto è generalmente di buona qualità e ricca di sali minerali quali calcio e magnesio.
  • Per contro potrebbe talvolta risultare poco piacevole al gusto, a causa del tipico sapore di cloro, e comunque contenere percentuali di elementi nocivi.

Al fine di migliorarne ulteriormente la già buona qualità da un lato, e di evitare di ricorrere all’acquisto dall’altro, risparmiando così sia in termini economici, di tempo, fatica fisica (e impatto ambientale) del trasporto, che soprattutto nel consumo di plastica, sono arrivate da alcuni anni sul mercato le caraffe filtranti.

Caraffa filtrante: come funziona

Esistono caraffe filtranti di diversi modelli e marche, ma hanno tutte una fondamentale caratteristica che le accomuna:

  • sono costituite da due parti comunicanti tra loro attraverso un filtro
  • Il filtro deve essere sostituito dopo una certa usura).

Quando si riempie la caraffa l’acqua si sposta, in breve tempo, dalla parte superiore a quella inferiore, passando per il sopraccitato filtro

La presenza in esso di una combinazione di resine a scambio ionico e carbone attivo consente di ridurre la durezza dell’acqua (causa della formazione del calcare):

  • Le resine aiutano a ridurre i livelli di alcuni metalli come piombo, alluminio, rame e nichel
  • il carbone attivo riassorbe il cloro, agenti inquinanti e altre impurità organiche, ottimizzando sapore e odore del liquido.

Caraffa filtrante: i dubbi di Altroconsumo

Un test effettuato da Altroconsumo nel 2007 sostiene però che le caraffe filtranti non siano molto utili

Questo sia in assenza che in presenza -perché sotto i limiti consentiti- di tracce di sostanze indesiderate nell’acqua di partenza.

Lo studio le accusa inoltre  di non migliorare la qualità dell’acqua, ma addirittura di rischiare di peggiorarla dal punto di vista microbiologico (carica batterica) e chimico (aumento dei nitriti).

Questo potrebbe accadere in particolare se si tenesse a lungo tempo l’acqua nella caraffa filtrante, per il ristagno. Va detto che non sarebbe comunque un utilizzo corretto della caraffa stessa.

Noi pensiamo che per offrire un quadro chiaro e attendibile, sarebbero necessarie analisi accurate che mettano a confronto i vari tipi di acqua:

  • del rubinetto prima e dopo essere stata filtrata e quella imbottigliata di diversi brand.

Va detto che le aziende produttrici dispongono di certificazione dei propri sistemi di filtraggio, risultati conformi a tutti gli standard.

Le case produttrici delle caraffe filtranti hanno comunque dimostrato attenzione per l’ambiente con forti campagne di comunicazione per incentivare il riciclo dei filtri:

  • lo smaltimento delle cartucce infatti potrebbe generare danni all’ambiente se non effettuato correttamente.

Caraffa filtrante prezzi e modelli: dove acquistarle

Nonostante i dubbi di Altro Consumo che vi abbiamo riportato, la caraffa si è comunque molto diffusa in Italia.

Gli italiani maggiormente sensibili nei confronti delle questioni ecologiche, mostrano di preferire sempre più l’acqua di casa all’acqua in bottiglia del supermercato.

Eccovi alcune offerte online di caraffa filtrante Brita, Laica e di altre case:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *