Carnivori vs Vegani: chi inquina di più?

di Luca Scialò del 20 marzo 2013

Il Rapporto Italia Eurispes ha evidenziato come l’attuale sistema agroindustriale italiano consumi più energia di quanta ne riesca a produrre. Il rapporto mette in luce come il contributo alle emissioni provenienti da questo settore in Italia sia pari a 104 gigatonnellate di CO2, il 18,8% del totale nazionale.

Secondo Gianluca Felicetti, presidente LAV, e Franco Bergamaschi, co-fondatore dell’Erbolario: «Se adottassimo sia nella ristorazione privata, sia in quella collettiva un menù completamente vegetale un giorno alla settimana, realizzeremmo un importante abbattimento delle emissioni di gas serra e dell’impiego delle risorse idriche».

Ciò perché «Ogni pasto tutto vegetale permette di risparmiare 1.656 grammi di emissioni equivalenti di CO2 e acqua pari a 32 docce rispetto a un menù con carne».

Insomma, se facciamo due conti, il risparmio in termini di emissioni di uno stile di vita Vegan è enorme: «Un anno di MercoledìVeg (l’iniziativa della LAV per una scelta alimentare responsabile ndr), dal punto di vista individuale, significherebbe che ciascuno di noi risparmierebbe l’equivalente del consumo di una lampadina accesa ininterrottamente per 277 giorni. Se tutti gli italiani adottassero il mercoledìVeg, in un anno risparmieremmo acqua pari a oltre 3 milioni di piscine olimpioniche ed emissioni di CO2 pari a 180.822 giri intorno all’Italia percorsi con un Suv. Oltre alle vite di decine di milioni di animali» conclude Felicetti.

Ma al di là dell’anidride carbonica, la dieta vegetale è per l’individuo molto più salutare di quella onnivora. Statistiche rivelano come i vegetariani vivano più a lungo degli onnivori.

L’oncologo Umberto Veronesi, vegetariano convinto e sostenitore dell’alimentazione vegetariana, spiega che «Il 30% dei tumori è dovuto a un’alimentazione troppo ricca di grassi saturi, quelli di origine animale. Al contrario frutta e verdura sono scrigni di preziose sostanze che consentono di neutralizzare gli agenti cancerogeni, di “diluirne” la formazione e di ridurre la proliferazione delle cellule malate».

Insomma ci dicono “mangiate vegetariano e salverete voi stessi e il Pianeta”. Fosse facile…

Leggi anche:

{ 3 comments… read them below or add one }

Filippo Bertuzzi aprile 9, 2013 alle 6:47 pm

http://www.giovannicianti.org/donwload/articoli/201302-MangiVegatariano….pdf
Leggete bene quest’articolo che ‘ un punto di vista dei fatti reali e non motivi etici o personali,poi traetene le conseguenze su chi ha ragione. Ah,l’autore dovrebbe esser un un ex vegetariano

Rispondi

Andrea marzo 28, 2013 alle 10:13 am

D’accordo con il commento di Gianni: buon articolo, peccato per il “fosse facile…”. In realtà è facilissimo liberarsi dal vizio della carne, basta scegliere di farlo! E i vantaggi sono indistinramente per tutti 😉

Rispondi

Gianni marzo 23, 2013 alle 2:35 pm

Salve, complimenti per l’articolo, ben fatto.
Peccato quella frase sospesa in fondo al pezzo. Io sono diventato vegano in una settimana, avere una dieta vegetariana credo sia veramente una bazzecola ed è anche socialmente compatibile.
“Save the word, go veg!” 😉

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *