Cartone ondulato: per produrlo si consumano solo 8 l d’acqua

di Luca Scialò del 15 aprile 2014

Scegliere gli imballaggi di cartone può avere ripercussioni ecologiche molto positive. Ad esempio, il cartone ondulato: per produrlo si consumano solo 8 l d’acqua; un’inezia se si considera che per una doccia di 5 minuti ne impieghiamo anche fino a 90 litri, o comunque non meno di 70.

Ad esaltare questo tipo di imballaggio è uno studio promosso ad hoc da Bestack, un consorzio non profit di ricerca, e condotto dal Politecnico di Milano.

La produzione di imballaggi di cartone si divide in 2 tipi: diretta, quella legata al processo di trasformazione da cartone in fogli a cassa; indiretta, legata al consumo di acqua dolce per la selvicoltura e la produzione di materia prima vergine (carta).

SAI COME… Riciclare la carta

Nel caso del cartone ondulato poi, si fa ricorso a materia prima vergine proveniente da foreste gestite in modo sostenibile, con piani di reimpianto superiori a quelli di taglio.

A ciò va aggiunto anche il vantaggio della località dalla quale proviene la materia prima. Nel caso della carta, si tratta delle foreste della Scandinavia, una zona già di per sé molto ricca dal punto di vista idrogeologico. E ciò comporta un bassissimo impatto sulle risorse idriche locali. Al contrario, l’impatto sarebbe molto pesante se si producesse in una zona soggetta a siccità.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *