Coltivare zucchine in vaso e a terra: consigli pratici

di La Ica del 25 aprile 2016

Scoprite quanto sia facile coltivare zucchine sia in vaso che nell’orto. Bastano pochi accorgimenti per avere gustose zucchine da cucinare come vorrete senza dover disporre di tanto terreno e capacità da abile giardiniere.

Per coltivare zucchine non è necessaria una scienza, poiché sono molto facili da piantare e gestire: i semi sono grandi e ben visibili, e la pianta è particolarmente prolifica! Bastano infatti due/tre piante per soddisfare una famiglia di tre persone, e grazie ad un’ampia varietà, la Cucurbita pepo è anche facile da reperire, praticamente tutto l’anno.

Come coltivare zucchine in vaso

Il periodo migliore però per seminarle è a metà primavera, sia che decidiate di coltivare le zucchine in vaso o nell’orto, dove però sarà necessario coprire i semi con una campana o riporli in un semenzaio riscaldato. Quando avranno raggiunto gli 8 cm di altezza, le piantine potranno essere trasferite in un vaso non più grande di 45 cm di diametro, collocato in posizione soleggiata.

Se preferite più piantine in uno stesso vaso, non dimenticate di distanziarle tra loro di almeno 30 cm, ma dovete aggiungere del semplice terriccio universale arricchito con del compost organico; ricordatevi anche di aggiungere dell’argilla espansa sul fondo, per evitare i ristagni d’acqua e della pacciamatura in cima, per proteggere le prime foglioline.

LEGGI ANCHE Come coltivare gli asparagi in modo facile

Come coltivare zucchine a terra

Discorso simile per chi voglia coltivare le zucchine a terra: il seme va piantato a circa 2,5 cm di profondità, lasciando circa 80 cm di distanza tra una pianta e l’altra. All’inizio dell’estate, quando le piantine avrà raggiunto un’altezza di circa 10-15 cm, potranno essere trasferite dal semenzaio coperto ad un terreno ben concimato: il fusto andrà completamente interrato mentre le foglie andranno coperte con uno strato di foglie, legno, paglia o fieno che aiutano a mantenere l’ambiente umido e libero dalle piante infestanti.
zucchine fusto

Durante la fase di trapianto delle zucchine, il fusto va interrato e la parte superficiale, protetta con della pacciamatura, per mantenere l’ambiente umido

Le zucchine necessitano di molta acqua, perciò ricordatevi di lasciare il terreno sempre umido, specialmente d’estate, quando potrebbe essere necessario abbeverare le piante anche 2 volte al giorno; ma non innaffiatele nelle ore più calde, aspettate il tramonto, per evitare che l’acqua, evaporando, secchi la pianta. Generalmente il frutto è già maturo dopo 40-60 giorni dalla semina, ma ricordate di raccogliere anche i fiori con i frutti, altrimenti la pianta deperisce.

Le zucchine andrebbero infatti raccolte quando sono non più lunghe di 10 cm, per dare la possibilità alla pianta di creare nuovi frutti; questa è inoltre la lunghezza giusta per gustarli, poiché si presenteranno così teneri e gustosi da essere mangiati crudi, interi e persino con la buccia!

APPROFONDISCI: Contro i parassiti delle piante, l’infuso di edera

coltivare zucchine: afidi

coltivare zucchine: Le afidi si combattono naturalmente passando sulle foglie un batuffolo imbevuto d’acqua, anche recidendo la parte infestata o con un macerato di aromi

Come coltivare zucchine: i parassiti

I parassiti classici della pianta sono gli afidi, ma il più letale è lo oidio, un fungo che si sviluppa nei terreni fradici; per evitare che si formi, basterà prestare attenzione alla fase dell’innaffiatura. I pidocchi delle piante invece, attecchiscono soprattutto nei contesti caldi e secchi, per eliminarli, sarà sufficiente utilizzare un paio di guanti ed un batuffolo di cotone imbibito di alcool, oppure un forte getto d’acqua da spruzzare su tutte le foglie.

Se questi metodi dovessero rivelarsi inefficaci, si può agire anche con una soluzione a base di sapone di Marsiglia (50 gr di sapone per 3 litri d’acqua), con del macerato d’aglio, peperoncino o ortica. Triturate 100 grammi d’aglio e mescolateli a 10 litri d’acqua da tenere in un contenitore con coperchio; il composto così creato, dovrà macerare per ben 3 giorni. Poi filtrate il tutto e irroratelo sulle foglie con uno spruzzino, all’alba o al tramonto.

Immagine via Shutterstock.

Potrebbero interessarti anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *