Come coltivare bonsai

di Erika Facciolla del 20 marzo 2016

Per imparare come coltivare bonsai in poche e semplici mosse non perdetevi questa mini-guida pratica che vi svelerà tanti trucchi e suggerimenti pratici per far crescere e prosperare i vostri alberi in miniatura.

Quella del bonsai è una vera e propria arte che consiste nel coltivare piccoli alberi in vasi per lunghi periodi di tempo. Imparare a coltivare bonsai vuol dire apprendere i segreti e le conoscenze di base per controllare in ogni momento le dimensioni della pianta, indirizzarne la crescita verso una grandezza e una forma determinata e rispettarne, al contempo l’equilibrio vegetativo.

Il termine ‘bonsai’ è di origine giapponese ed rappresentata dai due ideogrammi 盆栽: il primo (bon) significa ‘ciotola’, il secondo (sai) significa ‘piantare’. Nonostante l’etimologia nipponica, l’origine di questa tecnica è cinese: furono dei transfughi cinesi, approdati sulle coste giapponesi, a portare i primi bonsai. I giapponesi appresero questa tecnica e ne fecero un’arte, applicando alle piante coltivate i canoni della propria estetica influenzata dallo zen.

Si può dire, dunque, che quella del bonsai è un’arte nata in Cina e perfezionata in Giappone dove venne conciliata a quello che gli orientali chiamano seishi:, ovvero l’arte di  dare una forma, di coltivare piccoli alberi che malgrado le dimensioni contenute esprimono tutta l’energia che è racchiusa nelle piante grandi.

come coltivare bonsai

Come coltivare un bonsai

Chi volesse imparare come coltivare bonsai può iniziare in primavera, periodo migliore per dedicarsi a questa tecnica di coltivazione. Si può creare il proprio bonsai partendo dal seme, da una talea, da margotta, da pianta del vivaio, da piante raccolte in natura e da ‘pre-bonsai’. Per evitare intoppi o insuccessi prematuri che potrebbero scoraggiarvi, specie se siete alle prime armi, vi consigliamo di rivolgervi ad un vivaio per acquistare il vostro bonsai. In vivaio, inoltre, avrete modo di chiedere informazioni utili sul tipo di pianta più adatto, il luogo in cui riporla e approfondire le vostre conoscenze in tema di giardinaggio e cura di questi piccoli alberi.

Ricordate inoltre che nei vivai o nei negozi specializzati troverete bonsai di ogni prezzo, varietà e dimensione. Vi consigliamo di partire con l’acquisto di 2 o 3 piante poco costose in modo da sperimentare le vostre attitudini e capacità per almeno un anno e senza eccessivo timore di sbagliare. In generale, i bonsai più facili da coltivare sono l‘olmo cinese (ulmus parviflora), che tollera bene le potature regolari e che può essere collocato sia all’interno che all’esterno, e il carpino bianco (carpinus betulus), che ricorda  un faggio, amante della luce diretta e dei climi miti.

Potrebbero interessare:

Come coltivare un bonsai: le innaffiature

Le innaffiature per i bonsai sono di vitale importanza. Dalla giusta quantità di acqua e umidità dipenderà in larga parte la sopravvivenza della pianta. Innaffiate quando il terriccio è quasi asciutto sia all’aspetto che al tatto. Eliminate sempre l’acqua in eccesso dal sottovaso evitando pericolosi ristagni che potrebbero far marcire le radici.

bonsai1

Come coltivare un bonsai: la mini-guida pratica

Un altro aspetto fondamentale  per chi, come voi, vuole imparare come coltivare bonsai è la scelta del terriccio più adatto, ma anche in questo caso il vivaista saprà consigliarvi al meglio. Ricordate che è necessario utilizzare un terriccio di ottima qualità e dei fertilizzanti o concimi naturali a base organica adatti a seguire lo sviluppo della pianta in tutte le fasi della sua crescita.

Come coltivare un bonsai: la posizione

Una volta scelta la pianta, il terriccio, il vaso e il fertilizzante, il vostro bonsai deve essere collocato nel punto della casa migliore per illuminazione, temperatura e tasso di umidità. Nella stagione primaverile, estiva e inizio-autunnale il bonsai dovrà vivere all’aperto, in particolare durante la fioritura e lo sviluppo dei frutti. Nei mesi invernali le piante più resistenti potranno rimanere al fretto, ben protetti durante le gelate notturne, mentre quelle più delicate dovranno essere spostate in un luogo riparato.

Leggi anche:

Come coltivare un bonsai: la potatura

La potatura è fondamentale per controllare le dimensioni della pianta:  evitate di potare i rami più teneri, che potranno portare alla nascita di nuovi fiori e frutti; eliminate piuttosto le foglie secche e l sezioni di rami più vecchie. Al momento del travaso, invece, potrete occuparvi anche della potatura delle radici.

bonsai2

Come coltivare un bonsai: posizione, potatura e travaso

Come coltivare un bonsai: il travaso

Considerata che più giovane è la pianta, più avrà bisogno di frequenti travasi (ogni 1-2 anni circa), mentre le piante con più di 6 anni di età potranno rimanere nello stesso vaso. Generalmente, i bonsai che perdono le foglie in autunno avranno bisogno di essere travasati più spesso, sopratutto per rinnovare il terriccio e favorire lo sviluppo delle foglie.

Con queste prime indicazioni e con i suggerimenti che potrete farvi dare dal vivaista di fiducia, dovreste sentirvi pronti a cimentarvi in quest’arte affascinante ed iniziare a sperimentare come coltivare bonsai, una delle tecniche di coltivazione più antiche del mondo.  

Immagine via Shutterstock

Potrebbero essere utili anche questi libri che parlano di come curare e coltivare bonsai:

Un Bonsai Perfetto
Trucchi e segreti di coltivazione e potatura
€ 12.9
Fiori e Bonsai di Perline
Tendenze fai da te
€ 14
Bonsai - Stili, Legatura e Potatura
€ 7.9
Il Grande Manuale del Bonsai
Terza edizione
€ 38
Bonsai - Manuale Pratico
Filosofia e tecniche, formazione, cura e difesa
€ 2.5
Coltivare i Bonsai
La guida più semplice
€ 12
Bonsai
Un’arte antica alla portata di tutti
€ 9.9

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *