Come coltivare la lavanda in vaso: giardino e balcone

di Eryeffe del 17 maggio 2015

La guida pratica su come coltivare la lavanda in vaso nel vostro giardino o balcone che molti di voi stavano aspettando è finalmente arrivata!

La lavanda è una delle piante più utilizzate e apprezzate fin dall’antichità per detergere, profumare e curare il corpo.  Il nome stesso ‘lavanda’, deriva dal verbo latino ‘lavare’. La lavanda cresce spontaneamente in tutto il bacino del Mediterraneo, ma può essere coltivata facilmente anche in giardino e nei vostri terrazzi e balconi dove vi regalerà splendide fioriture decorative dal profumo persistente e inebriante.

Vediamo allora come coltivare la lavanda in vaso ed in giardino per donare un tocco di vivacità ai nostri giardini o al terrazzo e balcone: scopriremo insieme tutti i trucchi e i consigli pratici sulle tecniche di coltivazione di questa meravigliosa pianta così bella, profumata, colorata ma sopratutto utile per le sue tante proprietà benefiche.

Come coltivare la lavanda in giardino: cosa  vi serve?

La lavanda può essere coltivata per talea o per seme, preferibilmente durante l’autunno o all’inizio della primavera quando il clima è più mite.  Se decidete di procedere con la coltivazione per talea, dovrete procurarvi degli steli lunghi almeno 10 cm e interrarli in vaso o direttamente nel terreno.

Il presupposto più importante per capire come coltivare la lavanda in giardino è la scelta dello spazio più adatto: deve essere una zona del giardino sufficientemente soleggiata, ventilata, non umida e lontana da altre piante che potrebbero limitarne lo sviluppo.

Come coltivare la lavanda in vaso

Come coltivare la lavanda in vaso: L’inconfondibile colore viola-azzurro dei fiori di lavanda

Le innaffiature devono essere regolari, ma mai abbondanti. Per crescere rigogliosa, infatti, la lavanda ha bisogno di molta luce e poca acqua e di un terreno ben drenato che eviti la formazione di pericolosi ristagni per la salute della pianta.

Durante la stagione vegetativa, tra marzo e maggio, si può concimare il terreno per favorire lo sviluppo delle parti aeree della pianta e ottenere fioriture ancora più abbondanti.

Come coltivare la lavanda in vaso nel balcone e nei terrazzi: come e quando seminarla

Dopo aver visto come coltivare la lavanda in giardino, proviamo a imparare i segreti della coltivazione di questa bella pianta erbacea aromatica in vaso. Per sapere come coltivare la lavanda in vaso, magari per abbellire un terrazzo o dare un tocco di vivacità al balcone, è sufficiente procurarsi una manciata di semi o un paio di talee, un bel vaso alto e capiente, un buon terriccio asciutto e un po’ argilla espansa che posizionerete sul fondo del vaso per favorire il drenaggio.

Come coltivare la lavanda in vaso

Come coltivare la lavanda in vaso: guardate che bel vaso di lavanda fiorita

Se decidete di cimentarvi nella coltivazione della lavanda in vaso, ricordate che durante la primavera sarà necessario procedere al rinvaso della pianta e al cambio del terreno che deve essere sempre fresco e drenato.

SCOPRI ANCHE: come essiccare la lavanda

Esattamente come abbiamo visto nel precedente paragrafo su come coltivare la lavanda in giardino o nell’orto, anche nel caso della coltivazione in vaso dovremo posizionare il vaso con la pianta di lavanda in un luogo ben soleggiato e ventilato e procedere ad innaffiature di scarsa entità.

Ecco anche dove potete ordinare online dei semi di lavanda:

Periodo Potatura Lavanda

Una volta ottenuta una lavanda rigogliosa, dovrete ricordarvi di effettuare una potatura accurata che è comunque una fase molto delicata, ve lo anticipo.

La potatura della lavanda va effettuata solo alla fine del periodo di fioritura e dovrete cercare di eliminare con cura le spighe ormai secche ed almeno i due terzi della vegetazione della lavanda stessa: non preoccupatevi di vederla temporaneamente spoglia, è vitale per la pianta e per ottenerla sempre più rigogliosa in futuro.

Il consiglio più importante è quello di potare la lavanda in mezzo alle foglie, con l’accortezza di mantenere almeno quattro gemme per ogni stelo della vostra lavanda.

Consigli finali su come coltivare la lavanda in vaso o in giardino

Qualsiasi sia lo spazio a disposizione per coltivare la lavanda, ricordate che:

  • Per favorire il drenaggio dell’acqua è consigliabile mescolare il terriccio con materiale organico
  • La prima concimazione deve essere effettuata almeno due anni dopo la semina, preferibilmente con un prodotto BIO
  • La lavanda raggiunge il culmine del suo sviluppo dopo 3 anni dalla semina
  • La lavanda deve essere potata ogni anno, subito dopo la fioritura
  • Durante l’inverno è opportuno proteggere la pianta dal freddo

Essendo una pianta abbastanza rustica e tenace, la lavanda non ha bisogno di particolari cure, ma se seguirete scrupolosamente i nostri semplici consigli su come coltivare la lavanda in vaso, riuscirete a far crescere nel vostro giardino questa pianta in modo vigoroso e sano.

TUTTE LE PROPRIETA’ CURATIVE DELLA LAVANDA

Dopo avervi spiegato come coltivarla, è ora il momento di investigare maggiormente tutte le proprietà ed i benefici anche curativi della lavanda. Su questo tema vi consigliamo per prima cosa di leggere il nostro articolo di approfondimento generale: Proprietà della lavanda: utilizzi e benefici.

Ma troverete anche interessante questi articoli sempre sugli utilizzi curativi della lavanda:

Immagini via Shutterstock

Se oltre alla lavanda voleste infine coltivare altre piante in vaso sul vostro balcone, eccovi altri articoli interessanti:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *