Come depurare l’acqua del rubinetto: depuratore acqua domestico

di Salvo il 29 settembre 2010

Come depurare l’acqua del rubinetto: depuratore acqua domestico, filtri domestici.

Ecco una guida pratica utile per orizzontarsi su come depurare l’acqua del rubinetto, ottima iniziativa in teoria sia per il risparmio della famiglia sia perchè rappresenterebbe un forte disincentivo all’utilizzo di bottiglie PET con la conseguente riduzione dell’inquinamento prodotto ma occorre premettere che sul tema della reale efficacia dei filtri domestici gli esperti NON sono tutti concordi come vedremo successivamente.

SUGGERIMENTO: consulta le nostre guide sulla casa ecologica e sul benessere e salute naturale

L’idea di questa guida ci è venuta da un commento di Willian al post sul Plastic Dining Room di Vancouver, come sempre se avete suggerimenti e migliorie scriveteci nei commenti e le recepiremo.

Premettiamo che in generale l’acqua dell’acquedotto è  di ottima qualità, sempre costantemente  analizzata e non necessiterebbe di essere trattata, clorata o filtrata.

Il problema si pone però nelle tubazioni del nostro edificio e di casa: la qualità dell’acqua dell’acquedotto può essere infatti anche fortemente condizionata dallo stato delle tubature della nostra casa.

Sul mercato sono disponibili molte tipologie di apparecchi di depurazione dell’acqua, cercheremo di analizzarne brevemente le tipologie principali :

  1. Depurazione Acqua mediante addizionatore di anidride carbonica
  2. Depurazione Acqua tramite apparecchi con filtro di carbone attivo
  3. Depurazione Acqua per mezzo di apparecchi di depurazione magnetici
  4. Depurazione acqua mediante un apparecchio ad elettrolisi, vedi anche Acqua Kangen

Sugli apparecchi di depurazione magnetici non abbiamo trovato in rete ancora opinioni concordi: gli  esperti divergono infatti sugli effetti della depurazione magnetica.

Qualsiasi sia la scelta che farete  eccovi una serie di precauzioni ed accorgimenti pratici da prendere per evitare di ottenere proprio l’effetto contrario e paradossalmente correre  rischi per la salute:

  • cercate di utilizzare sempre bottiglie di vetro
  • fate molta attenzione all’igiene quando imbottigliate l’acqua nelle bottiglie, lavate con acqua calda sia le bottiglie che l’apparecchio se possibile (dipende da quale scegliete ndr).
  • cercate sempre di imbottigliare l’acqua alla temperatura più bassa possibile
  • cercate di bere l’acqua imbottigliata il giorno stesso, se non potete conservatela in frigorifero

Per maggiori informazioni vi segnaliamo questo articolo di Altroconsumo:

Last but not least vi segnaliamo il bel video sotto tratto dal blog di GreenBean che è in inglese ma sottotitolato in italiano che riflette sul perchè negli USA si debba comprare acqua minerale imbottigliata per berla nelle case quando invece l’acqua del rubinetto è migliore oltre che gratis…;-)

la risposta è semplice: Marketing che crea una domanda artificiale, “manufactured demand”.. A voi le riflessioni…

Ti è piaciuto questo articolo?
           

Lascia un Commento

{ 32 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

Tommaso novembre 28, 2013 alle 10:47 pm
Tommaso novembre 28, 2013 alle 10:44 pm

Ho letto in rete che tutte le tubazioni degli acquedotti italiani sono fatti di cemento e amianto.

Rispondi

Salvatore maggio 28, 2013 alle 2:35 pm

@fonteapina i contratti decennali sono illegali perche’ l’elettrodomestico ha solo 2 anni di garanzia non 10, informati meglio.

Rispondi

Maria maggio 23, 2013 alle 1:27 am

Si addolcitore per il palazzo con 3 appartamenti :-)

Rispondi

fontalpina maggio 22, 2013 alle 3:21 pm

@salvatore. Non sono illegali ma contratti atipici. E’ solo una strategia di vendita con la quale ti spillano piu’ soldi. C’è addirittura chi li regala a condizione che vi impegnate a pagare per 10 anni l’assistenza a partire da 2.500 euro circa pagabili in comode rate mensili tramite finanziamento
@maria: ti sei fatta un addolcitore? mah!

Rispondi

Maria maggio 15, 2013 alle 3:23 pm

Salve io sono di Pompei, avevo grossi problemi con il calcare che rovinava i rubinetti ed elettrodomestici ho risolto con un sistema per tutta la casa approfittando anche degli incentivi per il risparmio energetico validi fino al 30 giugno 2013. L’azienda e’ molto seria ci stiamo trovando benissimo vi lascio il link al sito http://www.annunziataacquasana.it

Rispondi

Salvatore maggio 3, 2013 alle 2:09 am

Attenti alle false formule di comodato o noleggio per 10 anni sono illegali mi e’ stato confermayo da diversi avvocati.

Rispondi

fontalpina aprile 24, 2013 alle 10:38 pm

Riecco i franchi tiratori a favore delle tanto discusse osmosi inverse che purtroppo sono la causa di molti giudizi negativi come l’ultimo de le iene nonostante la rettifica peraltro inesatta per vari motivi …. nonostante tutto ancora insistete ad elogiarle? Vorrei sapere su che basi visto che lo dico a mio “apparente” discapito avendole a listino. Ho detto apparente perchè il mercato ed i consumatori ne trarrebbero reciproco vantaggio se fossero vendute per quello che veramente sono: semplici desalinizzatori (tra cui quelli indispensabili) di acqua potabile. Una storia che si ripete a scadenze periodiche sino al prossimo titolone televisivo piu’ di effetto rispetto alle numerose critiche scritte http://www.giuseppealtamore.it/stampa/Depuratori_domestici.htm http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=101951 http://www.altroconsumo.it/nt/nc/comunicati-stampa/filtrare-l-acqua-a-casa-una-spesa-inutile-inchiesta-altroconsumo-su-impianti-depurazione-domestica ecc. ecc. ecc

Rispondi

Salvatore aprile 20, 2013 alle 3:02 pm

Il noleggio e’ piu’ costoso dell’ acquisto!

Rispondi

Stefania aprile 11, 2013 alle 5:33 pm

Salve, anche io ho a casa un depuratore per l’acqua domestico, l’ho preso in comodato su questo sito http://www.vendita-depuratori.com/ e devo dire che mi trovo molto bene. Inoltre ho potuto finalmente annullare la spesa per l’acqua in bottiglia. Ciao, Stefania.

Rispondi

Carlo aprile 11, 2013 alle 1:48 am

Prima di tutto bisogna trovare una azienda seria non come e’ successo con lo scoop dell’ elettrolisi delle Iene di un mese fa che tra l’ altro e’ stato tolto dalla rete mentre se vi interessa c’e’ il video di rettifica di Matteo Viviani. In provincia di Salerno ho conosciuto questa azienda Annunziata AcquaSana che e’ gia’ stata menzionata in un commento sopra e mi sono finalmente deciso ad utilizzare un sistema per tutta la casa e mi trovo una favola http://www.annunziataacquasana.it

Rispondi

Lucia marzo 10, 2013 alle 8:51 pm

Salve a tutti, sono 4 anni che ho acquistato un impianto domestico per acqua liscia e frizzante e mi sono trovata benissimo, il personale altamente qualificato ci ha regalato anche delle bottiglie in vetro, vi lascio il sito web della azienda http://www.annunziataacquasana.it

Rispondi

fontalpina marzo 23, 2013 alle 11:39 am

ovvio purchè non sia demineralizzata

Rispondi

fontalpina dicembre 25, 2012 alle 12:06 pm

@daniele: secondo te qual’è l’acqua piacevole? Personalmente preferisco sempre alimenti freschi. Se poi sei disinteressato anche all’ambiente che ci fai in un blog che parla proprio di ambiente. Poi c’è la solidarietà: http://it.wikipedia.org/wiki/Nestl%C3%A9 . Per quanto riguarda la pubblicità Mineracque (che raccoglie nestle danone zoppas ecc con tutti i loro marchi) tanto per darti una cifra spende circa 4.000.000 di euro all’anno per dartela a bere e sai quanto gli costano le concessioni? Praticamente 0. Conosci l’isola di plastica nell’oceano pacifico che sembra sia per estensione quasi 2 volte gli stati uniti? Credo che dovresti fare qualche approfondimento casomai smanettando un po’ su Google. Troverai molte notizie interessanti

Rispondi

Daniele dicembre 7, 2012 alle 3:02 pm

Quanto pubblicità occulta in queste risposte, quanta ipocrisia, per portare acqua al proprio mulino.
Faccio il provocatore: A me non piace bere acqua del rubinetto, nonostante i milioni di pubblicictà spesi dagli acquedotti per veicolare il messagio di bere acqua del sindaco. Non ci sto ! Voglio bere acqua piacevole, che mi dia gusto a bere acqua. Tutte le aziende che si propongono per i depuratori domestici sono interessate al pari degli acquedotti a far su soldi. Concordo con Fontalpina sugli aspetti tecnici, ma trovo assurdo pagare migliaia di euro per un po di carbone e qualche pezzo di plastica.
http://www.acquasemplice.com/forum

Rispondi

fontalpina novembre 15, 2012 alle 4:03 pm

Vero: troppa confusione che determina anche un certo scetticismo in merito.
1) Le osmosi inverse producono acqua demineralizzata, quindi priva di preziosi oligoelementi. L’organizzazione mondiale della sanità (WHO) consiglia un contenuto minimo di calcio e magnesio per l’acqua ad uso umano non inferiore ai 15° francesi di durezza che equivalgono ad un residuo fisso di 150 mg. litro solo per questi 2 sali.
2) Gli ionizzatori producono acqua basica alcalina e non c’è alcuna prova scientifica accreditata che facciano bene seppur diffusi.in oriente, Comunque un ph superiore ai 9,5 ne determina la non potabilità.
3) I filtri a carboni attivi oltre a eliminare il cloroa agiscono solo su sapore ed odore lasciando inalterate le proprietà dell’acqua, sono quindi quelli piu’ adatti a condizione che: 1) Vengano sostituiti alle scadenze 2) venga fatta la sanizzazione (sanificazione) al momento della sostituzione 3) contengano materiale batteriostatico tipo l’argento o siano dotati a valle di una lampada a raggi Uv sterilizzatrice (battericida), in pratica lo stesso sistema che usa nelle “fontanelle pubbliche” o “case dell’acqua”: non ha controindicazioni e rende eccellente quella dell’acquedotto con il vantaggio di averla comodamente sempre a disposizione anche per lavare gli alimenti e cucinare. Per una scelta senza sorprese farei una ricerca “prezzi depuratori” leggendo attentamente le schede tecniche che rispondano ai requisiti orientandomi verso l’azienda che mi dà piu’ garanzie…

Rispondi

michele ottobre 9, 2012 alle 2:13 pm

Ciao sono Michele e scrivo da bari mi sapete dire nella mia zona di che ditta dovrei fidarmi ??Vorrei un consiglio spassionato..perche’ ho intenzione di installarne uno..Vi ringrazio in anticipo…

Rispondi

fontalpina settembre 22, 2012 alle 11:07 am

1) Purtroppo Pio ha ragione,: gli imputati sono i trialometani., cosi’ come nella minerale in plastica gli imputati sono gli xenoestrogeni, quindi chi le acquista si beve gli xenoestrogeni e assume i trialometani tramite i lavaggio e la cottura dei cibi: pazzesco.
@Simone: vero quello che dici però il calcio è salutare quindi perchè eliminarlo? Senza considerare che gli addolcitori aumentano le dosi di NaCl (sale da cucina). Il calcare danneggia le tubature e gli elettrodomestici ma non gli esseri umani. I magneti trasformano il calcare in aragonite,quindi l’acqua mantiene inalterate le proprie caratteristiche di potabilità senza danneggiare le tubature e gli elettrodomestici. L’unica controindicazione (lo penso io non avendo elementi medici certi) potrebbe essere per i portatori di pacemaker, ma il sale da cucina nel nostro corpo fa esattamente quello che fa il calcare nelle tubature. L’unica soluzione è un buon “depuratore” (termine improprio) che elimini solo il cloro, cattivi sapori ed odori, senza modificare le componenti dell’acqua potabile, ricordandosi di mantenerlo. Quindi:no acqua minerale, tanto piu’ troppo leggera (con basso residuo fisso – TDS),. no osmosi inverse ma filtri a carbone attivo batteriostatici o con lampada UV battericida (sterilizatrice) a valle del filtro. Per quanto riguarda gli articoli sull’argomento di Altroconsumo sono d’accordo che siano sempre troppo approssimativi per compiacere gli associati (quest’anno non ho rinnovato l’abbonamento)

Rispondi

PIO settembre 11, 2012 alle 3:36 pm

Chiedo scusa per gli errori di battua
Aspetto repliche

Rispondi

pio settembre 11, 2012 alle 3:34 pm

Somo molto d’accordo chi afferma che l’ignoranza preva a tutti ilvelli, compresi quelli accademici.
voglio , però aggiungere qualche cosa anchio, per cercare di attenuare questo mondo buio. E dico:
Il carcio nell’acqua potrebbe essere utile e sostituire lo yogurt;
E’ verissimo che il fluoro è un veleno, suggerito da molti scienziati della salute (sic )
Il veleno peggiore però è il cloro, che essendo uncatalizzatore eccelso, trasforma i residui organici in cloridi , sostanze cancerigene. Percui tutta l’acqua clorata è cancerogena. Ci sono moltissime alternative al cloro per depurare l’acqua, ma pochissimi comuni lo fanno. Gli altri comuni ne sono privi di conoscenza.

Rispondi

patrizia luglio 5, 2012 alle 11:57 am

Io bevo acqua osmotizzata praticamente da sempre, credo sia la migliore ma penso sia importante avere una corretta manutenzione dell’impianto. Da 5 anni i miei fanno fare la manutenzione da acqua light di matera e dicono che non la cambierebbero con nessun’altra azienda. Il problema è che a volte in giro ci sono molti ciarlatani.

Rispondi

Massimo giugno 15, 2012 alle 5:57 pm

Più che Depuratori io li chiamerei Purificatori, anzi meglio ancora Sistemi per il Trattamento Acqua, anche se quest’ultima espressione comprende una più vasta gamma di prodotti.
Io mi occupo di installazione di questi impianti da oltre tren’anni e devo dire che i nostri clienti, ai cui impianti facciamo manutenzione periodica, sono molto soddisfatti dei risultati ottenuti (merito soprattutto dei prodotti), così come si mostrano molto soddisfatti del nostro servizio di manutenzione, visto che la nostra attività commerciale si basa molto sul passaparola.
Se vi interessa verificare l’eventuale esigenza di un impianto per il trattamento di acqua a casa o in ufficio o nella vostra sede lavorativa, potete scriverci a settoreacqua@comiter.it. Noi operiamo principalmente in Toscana.

Rispondi

Angelo giugno 4, 2012 alle 4:08 pm

Cari signori dopo 21 anni di esperienza di produzione macchine per la depurazione acque per uso alimentare ad osmosi inversa autorizzati dal ministero della salute (anke i fluoruri sono ridotti del 93%) con un totale di 15000 clienti gestiti con una soddisfazione cliente testata al 97%. Sono felice che finalmente si parla di depuratore d’acqua come qualiasi altro elettrodomestico perciò scegliete solo quando siete sicuri di avere un azienda seria e disponibile anke nel post-vendita questo renderà felice chiunque si vuole salvaguardare.
Se desiderate altre info andate direttamente sul sito http://www.aquasanaitaly.com

Rispondi

OTTIMA ESPERIENZA marzo 7, 2012 alle 12:33 pm

Salve,
anche io ho un depuratore ad osmosi e devo dire che mi trovo veramente bene.
Ho sentito altre persone che si lamentano dell’assistenza in particolare e dei costi; io devo dire che ho speso un po’ per il mio ma mi sono fidata della certificazione che ha l’azienda da cui l’ho preso e dell’assistenza che mi promettevano.
Per fortuna le promesse che mi avevano fatto sono state mantenute e sono molto soddisfatta della mia scelta.
Posso solo segnalarvi il sito dell’azienda dove l’ho presa dato che in termini di qualità del prodotto e professionalità la raccomando http://www.ecogenia.it http://www.acqualifeacquabuona.com.

Rispondi

ECCEZIONALE agosto 1, 2011 alle 7:43 pm

Sono due anni circa che utilizziamo in casa un “Sistema di trattamento dell’acqua” eccezionale. E’ un vero e proprio gioiello della tecnologia. Non ha bisogno di alcuna manutenzione, non è costoso e, inoltre, ha non un autocertificazione, ma la certificazione del Ministero della Sanità italiana. Vale la pena conoscerlo. Chi volesse avere maggiori informazioni ci contatti. Possiamo inviare anche via email una breve presentazione illustrata. Il nostro indirizzo: angelotommy@live.it

Rispondi

AcquaPura luglio 27, 2011 alle 4:31 pm

Ma che dite, lo sapete che il problema più grande dell’acqua è il fluoruro, con il fluoruro si fa il veleno per i topi, crea problemi sopratutto al sangue rendendolo meno fluido facendoci sentire stanchi, fa molto male alle ossa e ci rende vulnerabili ai danni ai reni alla vescica e causa tumori alla prostata, informatevi, l’acqua del rubinetto non è così facile da depurate come dite voi.

Rispondi

Matteo luglio 13, 2011 alle 5:15 pm

Il sistema di trattamento acqua per uso domestico è una cosa ottima,ti permette di avere un acqua buona e filtrata direttamente a casa,senza considerare il fatto del risparmio-tempo-ingombro di bottiglie.
Per chi è interessato(solo Milano e dintorni)contattatemi all e-mail mat86@live.it.Sono un consulente e prendo il
prodotto direttamente in fabbrica,garantito dal ministero della salute.
Buona giornata!

Rispondi

Thempleton maggio 27, 2011 alle 1:56 am

Non ho visto nominati i depuratori ad osmosi inversa, tecnologia utilizzata anche a livello industriale con grande successo.

Mi sono tolto lo sfizio di farmi consegnare da alcuni dei produttori/rivenditori dei vari depuratori casalinghi le certificazioni con i protocolli di test dei loro prodotti.
Il motivo e’ che di solito il diavolo sta nel dettaglio, e anche in questo settore c’e', e non proprio nel dettaglio.

Mediante tutti i protocolli di test esaminati viene, fra l’altro, eseguita una misurazione dei contenuti batterici e biologici di altra natura in uscita dal sistema di depurazione.
Peccato che il metodo con cui viene condotta la sequenza di test, sempre lo stesso, abbia una grossa pecca.
Per non entrare nei tecnicismi, i test vengono eseguiti con il depuratore fatto funzionare in modo continuo per tutta la durata complessiva della sessione di test.
In questo modo succede che i contenuti sia batterici, biologici che chimici, in misurazione vengono rilevati in una condizione in cui il depuratore non viene mai realmente utilizzato e che e’ quella ideale per ottenere i risultati migliori.
Facendo il caso reale, supponiamo di avere pochi batteri sull’uscita del depuratore e che ce ne andiamo in ferie per 20 giorni, al ritorno, questi si saranno probabilmente riprodotti formando colonie di miliardi di unita’ che si saranno annidate in buona parte del depuratore, complice il caldo estivo.
In un caso del genere, a nulla serve far scorrere l’acqua attraverso il depuratore poiche’ se rifacessimo i test come sopra otterremmo dei valori batteriologici che ci obbligherebbero di prendere il depuratore ed eliminarlo per non correre rischi molto gravi.

Questo, il Ministero della Sanita’ “sembra” ignorarlo dato che sottoscrive e valida i test eseguiti.

A buon intenditor poche parole.

Rispondi

andrea maggio 15, 2011 alle 12:24 am

io ho appena montato un depurature (o come si chiama) che si monta direttamente al rubinetto senza alcun lavoro, non necessita di manuntenzione è costa un terzo dei classici depuratori, contettissimo, acqua buona, leggera e con effetti immediati, ero scettico sulla cosa ma mi devo ricredere,riscontrandol eliminazione della ritenzione idrica, svuotamento della vescica e scomparsa di pelle secca su faccia e gambe, addirittura mi sciaqquo la faccia direttamente dopo aver fatto la barba(non uso piu il dopo barba). il prodotto non necessita di sostituzioni filtri , napoliandrea.a@gmail.com

Rispondi

sorridere sempre gennaio 5, 2011 alle 2:31 pm

per disperato:
io ho un depuratore a casa che non mi ha mai creato problemi,nè di manutenzione,nè difetti di macchinario e il rappresentate è un tipo cordiale,attento alle richieste del cliente ed educato,non è il solito venditore che vuole vendertelo per forza.inoltre il prezzo non è stato altissimo e il costo della manutenzione è di soli 70euro l’anno.io non sono di roma ma di pescara e il depuratore è della DEPURACQUA(sede centrale termoli,con filiale anche a pescara)…mbè…mai un problema.non è la solita azienda che prima ti vende il depuratore e poi ti lascia al momento di difficoltà…se hai bisogno della manutenzione…mbè loro ci sono.prova a contattarli,magari ti trovi bene come me.
ciao e buon anno

Rispondi

disperato dicembre 27, 2010 alle 4:47 pm

Anche io mio sono lasciato ingannare dal miraggio di avere buona acqua in abbondanza e risparmiando con un depuratore.
Purtroppo le cose non sono assolutamente andate così.
Quando ho acquistato un depuratore per l’acua del rubinetto della ThinkWater di Cittadella; la cifra mi sembrava alta, ma “era compresa ” anche la manutenzione annuale per 13 anni.
Poi, invece, sul contratto mi sono accorto che la manutenzione annuale costava altri 50 euro, ed il venditore ha modificato “l’imprecisione”.
Peccato però che poi la ditta di manutenzione non ha riconosciuto la modifica e pretende lo stesso i 50 euro che poi sono normalemte semestrali e non annuali.
Ma il probolema più grosso è che il depuratore, presumibilmente difettoso, mi allaga ogni tanto la casa. Come si può pensare di andare in ferie o allontanarsi anche solo una domenica con un rischio simile?
Per non parlare di alzarsi al mattino e mettere il piede nell’acqua sperando che il contatore elettrico sia scattato per il cortocircuito. . . . . . . .

Rispondi

simone dicembre 23, 2010 alle 8:01 am

è notevole la poca conoscenza che si ha dell’acqua oggi…
oggi più che hai tempi dell’ignoranza,e poi se aggiungiamo il fatto che apprendiamo informazioni da chi e disinformato allora siamo proprio nei guai.

“Premettiamo che in generale l’acqua dell’acquedotto è di ottima qualità, sempre costantemente analizzata e non necessiterebbe di essere trattata, clorata o filtrata” non c’è cosa più sbagliata di questa a mono che non ci si trovi a 1700m di altezza.
l’acqua di tutti gli acquedotti è costantemente clorata a mezzo dei dosatori chimici di cloro alla fonte (acquedotto) se poi aggiungiamo l’ignoranza di moltissimi idraulici che a monte di un impianto domestico propongono anche un dosatore di polifosfati,pensando di eliminare il calcare..(proprio giorni fa ho fatto una domanda ad un tecnico di caldaie il quale ha saputo rispondere con orgogliosa ignoranza consigliandomi di non usare un addolcitore che ha dimostrato egli stesso di non conoscere ma di usare dei filtrini ai polifosfati contro il calcare,aggiungendo all’acqua piena di calcare anche i polifosfati)sono sicuro al 1000%100 che lui cucina la pasta con quell’acqua li e pure tutti i suoi poveri clienti.
“Il problema si pone però nelle tubazioni del nostro edificio e di casa: la qualità dell’acqua dell’acquedotto può essere infatti anche fortemente condizionata dallo stato delle tubature della nostra casa”
allora chi abita in una nuova casa con le tubazioni a multistrato nuovissime ha un’acqua perfetta?
io analizzo acque di case vecchie,nuove e d’epoca e l’elemento determinante è l’acquedotto e basta;poi se le tubature della nostra casa sono vecchie,l’acqua può solo peggiorare di molto poco,visto i pochi metri rispetto ai chilometri dell’acquedotto.
“Sugli apparecchi di depurazione magnetici non abbiamo trovato in rete ancora opinioni concordi: gli esperti divergono infatti sugli effetti della depurazione magnetica.

infatti non è un depuratore il magnete…il magnete serve a creare un campo magnetico per un tot di metri di tubi (raggio d’azione che si decide in base all’impianto della casa) ed entro i quali il calcare a causa del magnetismo modifica la struttura della molecola non riuscendo più ad aggrapparsi alle pareti dei tubi e ai lavandini o ai rubinetti,oltre il campo magnetico,il calcare riprende la sua forma invincibile.Questo sistema si usa laddove non c’è spazio per poter installare un addolcitore;quest’ultimo è e rimane da secoli l’unico sistema che ELIMINA definitivamente il calcare dall’acqua che passa attraverso le resine (addolcitore con resine a scambio ionico).

“Bevi l’acqua di casa, la nuova campagna di Altroconsumo ” se le industrie vendono bottigli in PET derivate dal petrolio,altroconsumo vende tessere ai tesserati che vogliono apprendere notizie e conferme delegando altri,purtroppo nessuno cerca di capire le cose di persona e così ci si affida al “pensiero” altrui SENZA NESSUNA VERIFICA E I NOSTRI RENI? ABBIAMO DETTO AI NOSTRI RENI CHE L’ACQUA DI RUBINETTO è DI OTTIMA QUALITà? non penso proprio che sarebbero d’accordo con altroconsumo,anche perchè dove ho mai visto gli “esperti” di altroconsumo? loro parlano e qualche seguace lo trovano comunque…potrei farlo anche io invece di andare a lavorare e produrre.

Rispondi

Lascia un commento


× tre = 18