Condensa in casa: come eliminare la condensa da una stanza

di Claudia Raganà del 19 febbraio 2015

Se siete in una stanza con i vetri appannati, o ancor peggio, formazioni di muffa sui muri, forse siete in presenza di umidità, ma spesso la prima mossa da fare è eliminare la condensa.

Condensa in casa: la condensa è un fenomeno molto diffuso in casa e le sue conseguenze (muffa ed altri batteri), sono uno dei tanti nemici da sconfiggere abitualmente nella manutenzione delle nostre abitazioni, ecco eprché qui vi parliamo dei metodi più facili e senza prodotti chimici che vi consentiranno di eliminare la condensa.

Si tratta di un fenomeno naturale, causato dagli sbalzi di temperatura a cui è soggetta l’aria. Quando, infatti, la temperatura si innalza, l’aria assorbe vapore acqueo, espandendosi. Con l’abbassarsi della temperatura, invece, il vapore acqueo viene rilasciato e, giunto a contatto con una superficie più fredda, si trasforma in gocce di acqua: la condensa.

Questa situazione rende l’ambiente molto favorevole al formarsi e proliferare di micro-organismi (muffe, funghi, ecc.); le muffe solitamente attecchiscono nei luoghi più freddi della casa o più esposti ad escursione termica, come le pareti non esposte alla luce del sole, gli angoli, le zone con una coibentazione assente o scarsa.

Se vuoi approfondire l’argomento, leggi anche: Rimedi naturali per combattere l’umidità

Abbiamo visto gli effetti della condensa in casa. Ma quali sono le cause e come possiamo prevenirle? Esistono comunque dei piccoli accorgimenti da seguire.

Non stendere in casa.

Evitare di asciugare il bucato in casa, è preferibile sempre, anche in pieno inverno, farlo asiugare al sole alle’sterno. Ma se non avete proprio uno spazio sufficiente, allora aumentate il ricambio di aria o ricorrete all’aiuto di un deumidificatore che elimini l’umidità dall’ambiente, ottenendo tra l’altro dell’acqua distillata ottima per il ferro da stiro.

Aprite le finestre.

Cucinare comporta calore e acqua che bolle, tutti mezzi di formazione della condensa. Avere l’accortezza di arieggiare le stanze mentre si cucina o dopo la doccia (al limite utilizzando un aeratore durante queste operazioni), permette di limitare la produzione della condensa. Anche mentre si stira si può formare questo fenomeno, quindi arieggiate anche dopo aver passato il ferro.

Poche piante.

Se avete un problema di umidità e tendenza alla formazione di condensa in casa, è bene limitare il numero di piante in appartamento, che con il loro processo di fotosintesi, contribuiscono a mutare le condizioni del clima interno. Anche se sappiamo che sono belle e sane per l’aria che purificano.

condensa

Come eliminare la condensa in una stanza

In generale, affinché non si crei un ambiente favorevole al proliferare di muffe e batteri, è importante cercare di mantenere la temperatura dell’abitazione sui 20°e l‘umidità attorno al 45%.

Potrebbe interessarti:

Anche il ricambio di aria è fondamentale, per questo si consiglia sempre di areare i locali se si sono compiute attività che hanno creato un innalzamento dell’umidità (docce, cucina, stirare), oppure di avvalersi dell’ausilio di un deumidificatore se la zona in cui si abita è particolarmente umida e le semplici accortezze purtroppo non sono sufficienti a prevenire o contrastare la condensa e le sue spiacevoli conseguenze in casa, che, se trascurate, possono causare dei danni ben più seri da riparare.

Immagine via shutterstock.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *