Come fare attenzione ai funghi velenosi

di Elle del 6 dicembre 2013

Soprattutto nella stagione autunnale poter portare in tavola i funghi è un piacere per arricchire di gusto i nostri piatti. Per chi ama avventurarsi nella raccolta di questi cibi, tuttavia, è importante informarsi per evitare spiacevoli inconvenienti a tavola che possono anche far rischiare la vita.

Proviamo allora ad illustrarvi come fare attenzione e riconoscere i funghi velenosi.

Senza dubbio l’indicazione di massima in questi casi prevederebbe una perfetta conoscenza di tutte le specie per poter scansare quelle potenzialmente velenose; si può quindi partire preparati studiando le specie commestibili presenti nella zona in cui si intende effettuare la raccolta, oppure rivolgendosi agli ispettorati micologici che presiedono al controllo dei funghi destinati alla vendita e quindi al consumo umano.

POTETE SAPERNE DI PIU’ CON LA NOSTRA: Guida alla raccolta dei funghi

Si possono comunque tenere a mente alcune buone regole per non essere incauti: innanzitutto si consiglia di non raccogliere funghi troppo piccoli ,perché risulterebbe più complicato riconoscere la specie di appartenenza e quindi il loro grado di pericolosità.

È altamente sconsigliato, oltre che poco etico anche far ‘testare’ i funghi raccolti ai propri animali domestici, perché potrebbero presentare un diverso grado di sensibilità e tolleranza rispetto alveleno.

Altra cosa importante è non fidarsi del fungo mangiato dalle lumache o da altri insetti, perchè anche in questo caso non è detto che ciò che è commestibile per loro, sia necessariamente commestibile anche per l’uomo.

Colori particolarmente vivaci, odore particolare ed elevata viscidità non sono automaticamente dei criteri validi per ritenere dei funghi velenosi e pertanto non commestibili; al contrario, funghi del tutto bianchi e dal sapore gradevole potrebbero rivelarsi pericolosi se mangiati o anche solo toccati.

RACCOLTI I FUNGHI, ECCO UNA RICETTA PER CUCINARLI: Curry di seitan e funghi: una ricetta vegetariana tutta salute e sapore

Infine, bisogna essere cauti anche sull‘essiccazione dei funghi che non elimina le proprietà venefiche, che, anzi, con la perdita dell’acqua, rischiano di presentare una maggiore concentrazione ed essere quindi letale.

Infine, lavatevi sempre le mani dopo essere andati a funghi, nel caso aveste toccato una varietà velenosa, il semplice portare la mano alla bocca potrebbe comunque essere pericoloso.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *