Come nutrire i capelli in modo naturale

by Stefania Luccarini on 20 giugno 2016

Sapete come nutrire i capelli, renderli più sani e splendenti, senza ricorrere a prodotti chimici? La nostra chioma infatti non è sempre splendente e sana, spesso ci ritroviamo con capelli secchi e sfibrati per via di trattamenti e colorazioni, per i i lavaggi frequenti (anche in piscina) e per i cambi ormonali e l’alternarsi delle stagioni. Scopriamo cosa serve per ridare bellezza alla nostra chioma.

Come nutrire i capelli rovinati dallo smog, dal freddo,dall‘umidità e dagli ambienti chiusi ed i cambi di stagione? Perchè d’estate il sole e il sudore stressano la chioma disidratandola, mentre l’inverno la rende “spenta” e sfibrata. L’abitudine di indossare cappelli e berretti stretti poi, specie quelli di lana, può contribuire ad irritare la cute e rendere la chioma untuosa; ecco che l’ideale in questi casi è scegliere modelli morbidi, non troppo costrittivi e in tessuti naturali. Correre ai ripari, per fortuna è possibile grazie alla Natura che come sempre è prodiga di rimedi benefici e alla portata di tutti, senza necessariamente spendere una fortuna. Ebbene, vediamo quelli più utili.

Come nutrire i capelli

In generale ci sono alcuni consigli da seguire come regole base. Per fare lo shampoo, utilizzate sempre un prodotto delicato e con pH neutro (compreso fra 5 e 7,5). Ricordatevi poi di sciacquare bene, per evitare di lasciare residui di prodotto sulla chioma.

Non ricorrerete al fai da te per la colorazione e le tinture, a meno che non siate più che esperte, in genere è bene rivolgersi ad un parrucchiere e comunque, è meglio evitare interventi di colore troppo frequenti.

Utilizzate sempre il phon a calore moderato, meglio se on il diffusore, che rompe il getto dell’aria, e prima eliminate l’eccesso di acqua semplicemente tamponando i capelli con l’asciugamano, senza strofinarli.

Potrebbe interessare: rimedi per per capelli secchi

Come nutrire i capelli in modo naturale

Come nutrire i capelli per avere un’azione fortificante

Se i capelli risultano sfibrati, deboli e secchi, è necessario impiegare una pianta in grado di conferire una decisa azione tonica, ristrutturante e rinvigorente.

La salvia in questi casi è proprio quello che ci vuole, poiché è in grado di stimolare la riparazione di capelli danneggiati e sfibrati. Usatela così: preparate un infuso con:

  • 30 gr di salvia
  • 200 ml di acqua

Preparazione. Scaldate l’acqua e mettete in infusione le foglie fresche o secche di salvia. Lasciate 10-15 minuti e poi filtrate, lasciate raffreddare e applicate su tutta la capigliatura, lasciando agire per circa 20 minuti, prima di fare uno shampoo delicato e neutro.

Ottimo anche l’impacco a base di semi di lino dalle proprietà nutrienti e ristrutturanti: qualche goccia di olio essenziale sui  capelli, da tenere in posa per circa mezz’ora prima di fare lo shampoo che possibilmente sarà neutro, vi garantirà una chioma morbida e setosa.

Altro rimedio valido, ideale per dare tono ed energia ad una chioma spenta e opaca, è il rosmarino: massaggiate qualche goccia di olio essenziale sui capelli, dalla radice alle punte e lasciate in posa per qualche minuto. Sciacquate con acqua fredda.

Suggerimento: ecco tutte le nostre proposte di cosmetici naturali per il benessere capelli.

Come nutrire i capelli

Come nutrire i capelli per avere un’azione protettiva e addolcente

Una chioma spenta e dei capelli crespi necessitano di un azione mirata per tornare lucenti, morbidi e “pettinabili”. In questi casi, è ottima l’achillea che tra l’altro esercita anche un’azione volumizzante grazie alla sua ricchezza di mucopolisaccaridi. Potete preparare un impacco con:

  • 20 gr di foglie e fiori essiccati
  • 200 ml di acqua

Preparazione. In un pentolino fate bollire l’acqua e lasciate in infusione l’achillea per 15 minuti. Quando è fredda, filtrate e versate sui capelli. Lasciate in posa per una mezz’ora prima di sciacquare.

L’olio di argan è quello che ci vuole per proteggere i capelli e renderli setosi e lucenti: applicate qualche goccia prima dell’ultimo risciacquo. Se avete in programma una giornata al mare o in piscina, mettetelo al mattino e senza risciacquare, lasciandolo sui capelli tutto il giorno, così avrà il tempo di esplicare il suo benefico effetto proteggendo la chioma dal cloro, dalla salsedine e da sole.

Per una decisa azione ammorbidente è ottimo anche l’olio di mandorle dolciapplicato dopo lo shampoo su tutta la chioma e lasciato in posa per circa 20 minuti e poi sciacquato con acqua tiepida.

Potete ottenere buoni risultati anche con l’amido, sfruttando il classico rimedio utilizzato dalle donne giapponesi: usate l’acqua di bollitura del riso per fare un impacco dopo lo shampoo e prima di applicare il balsamo, lasciando agire per qualche minuto. L’amido di riso infatti nutre e liscia donando al contempo luminosità.

Leggi anche tutti i… trattamenti naturali per la cura dei vari tipi di capelli

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *