Come raffreddare le bibite senza frigo

di Chiara Greco del 28 ottobre 2014

Raffreddare le bibite senza frigo? La sfida sembrerebbe di quelle impossibili, anche se pare che qualcuno abbia già provato a utilizzare altri metodi di raffreddamento del cibo che non prevedono l’uso di un normale elettrodomestico.

Sai quali… alimenti vanno in frigo e quali no

Tutti sappiamo quanto sia praticamente indispensabile in tutte le case e quanto sia difficile rinunciarci. Oltre alla sua principale utilità di conservare gli alimenti per lunghi periodi, data ormai per scontata e che fa evitare spiacevoli inconvenienti a carico della salute, il frigo, frutto di un brevetto dell’americano John Gorrie che risale, udite udite, a più di un secolo fa, si è ormai evoluto nelle forme più svariate.

Che idea! Farsi il compost senza odore? Nel frigo!

E se ora fosse possibile mantenere freschi cibi e bevande con un altro metodo che non preveda l’uso dell’elettricità e faccia addirittura risparmiare in bolletta? L’idea non sarebbe una delle tante bufale presenti in rete ma un’idea concreta frutto dell’ingegno di quattro startupper danesi. Si parla di un nuovo metodo, totalmente home made, per conservare cibi e bevande al fresco, senza usare un solo watt di elettricità.

Si tratta di interrare un dispositivo in cui mettere le lattine della nostra bevanda preferita, una sorta di cilindro che le fa girare con una manovella, come un saliscendi.

Scopri anche: Risparmio energetico: come ottimizzare le prestazioni del frigo

Con il nome di e-cool, che sarebbe l’abbreviazione di Earth Cooler, il congegno è in pratica un tubo di trenta centimetri di altezza, che, inserito nel terreno del giardino, sarebbe in grado di mantenere al fresco cibi e bevande per tutto l’anno.
Capace di contenere fino a 24 lattine di birra o altro soft drink, disposte in fila e facilmente estraibili, l’Earth Cooler avrebbe lasciato basiti tutti coloro che hanno creduto nella sua immediata disponibilità in rete.

e-cooler

Come raffreddare le bibite senza frigo

Per tutti i curiosi varrebbe la pena di concedere una chance al bizzarro dispositivo e guardare l’incredibile presentazione sul sito: https://eng.ecool.dk/ anche se 290 euro per questo aggeggio ci sembrano un furto!

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *