Come riciclare il cellulare

di La Ica del 12 giugno 2013

Che fine fanno i nostri cellulari, una volta terminato il loro ciclo di vita?

Secondo la Recon Analytics, il rapporto tra noi e il nostro cellulare non dura più di 24 mesi. E negli Stati Uniti soltanto 11,7 milioni di questi (appena l’8%) vengono riciclati!

Invece riciclare i nostri dispositivi elettronici è molto importante, innanzitutto perché estrarre ed elaborarne i materiali come il rame, il vetro, la plastica, il palladio, l’oro e l’argento, è costoso ma non farlo non è affatto eco-sostenibile per l’aria e l’acqua circostanti. Si stima che in discarica arrivino materiali per circa 60 milioni di dollari; una perdita economica ingente!

SCOPRI: Come smaltire i vecchi cellulari in modo solidale

Eppure riciclare il telefonino è semplice! Essendo un rifiuto elettronico (il cosidetto RAEE) basterà cercare l‘isola ecologica più vicina dove portarlo e se non non sapete dove si trova la più comoda a voi, andate qui

Oppure potete riportarlo in uno dei negozi che vendono cellulari ed elettronica di consumo, sono obbligati per legge a riprendere il vostro apparecchio e smaltirlo opportunamente, il costo del portatile comprende proprio un eco-contributo RAEE per questo tipo di operazione e il decreto 151/05 rende possibile la riconsegna del nsotro smartphone a fronte dell’acquisto di uno nuovo.

Se preferite far riferimento alla compagnia con cui si è stipulato il contratto telefonico o al produttore, anche qui ci sono sempre diverse campagne di raccolta dei vecchi cellulari, a volte finalizzate a progetti benefici, altre volte alla stipula di un nuovo contratto o all’acquisto di un altro modello più nuovo e performante. E tutte sono sempre ben pubblicizzate.

LEGGI ANCHE: Nokia lancia i cellulari a base di biomateriali e metalli riciclati.

Infine, lo potete donare ad un nipote o a vostro figlio, o a qualcuno che ne ha bisogno ma non ha molti soldi, lo farà certamente più felice che buttare via un cellulare spesso ancora funzionante.

In linea di massima il processo per dare nuova vita ai nostri portatili è sempre lo stesso: i telefonini, smartphone e accessori correlati ancora funzionanti, possono essere donati in beneficienza, indipendentemente dal modello e dall’anno di produzione. Oppure, dopo esser stati controllati ed eventualmente riparati dal centro assistenza, dovrebbero essere rimessi sul mercato come apparecchi ricondizionati, ovvero usati e in buono stato. Inoltre, i cellulari che presentano problemi anche dopo il controllo, dovrebbero invece essere smontati e le parti componenti riutilizzate o riciclate.

SCOPRI TUTTO SULLA: Raccolta differenziata: come farla correttamente

Ma prima di sbarazzarvi del cellulare un consiglio importante. Poiché i nostri apparecchi cellulari vengono utilizzati non soltanto per telefonare, ma anche inviare dati e fare da postazione mobile per accedere alla posta e a vari account di social network, è molto importante che prima di lasciare il telefonino in mani estranee, controlliate e cancelliate, tutte le informazioni eventualmente sensibili.

Via tutte le password di accesso ai siti, cookies, e informazioni relative soprattutto a conti correnti e carte di credito. Trasferite l’intera rubrica dal cellulare alla sim card, senza dimenticare i messaggi, e le foto, che potrete eventualmente scaricare sul vostro computer, o hard disk esterno, e fate in modo di interrompere l’erogazione della connessione wireless, di modo che non vi vengano addebitate spese sconosciute.

Ora siete pronti per riciclare il cellulare?

Potrebbe interessarti anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *