Come smacchiare le tovaglie con rimedi naturali

by Erika Facciolla on 27 gennaio 2016

Scoprite come smacchiare le tovaglie con rimedi del tutto naturali e fai da te: ad ogni tipo di macchia, il suo rimedio!

Che siano di vino rosso, caffè, cioccolato, olio oppure sugo, le macchie sono quanto di più tangibile possa rimanere dopo un pasto, veloce o luculliano che sia, ma sappiamo come smacchiare le tovaglie in modo efficace e utilizzando prodotti naturali e sicuri ed ecologici?

Molti usano la candeggina, che, ahinoi, si può usare solo su tovaglie bianche e fatte di tessuti particolarmente resistenti (le cui fibre vengono comunque rovinate da questo tipo di trattamento).

Ed invece, a seconda del tipo di macchia, esistono trucchi e rimedi tradizionali che vanno assolutamente conosciuti e utilizzati per ottenere il miglior risultato con le nostre tovaglie. Vediamo i principali:

Come smacchiare le tovaglie: il fattore tempismo

Prima di tutto, va ricordato che, quando si tratta di macchie difficili, la prima cosa da fare è agire con rapidità, evitando così che la macchia secchi e si incrosti nei tessuti. Questo vale per ogni tipo di macchia, in particolare per quelle che tratteremo di seguito.

Come smacchiare le tovaglie: ad ogni macchia, il suo rimedio

Non tutte le macchie sono uguali. Come vedrete di seguito, non tutti i rimedi vanno ugualmente bene per ogni tipo di macchia: per questa ragione, vi indicheremo come smacchiare le tovaglie in funzione del tipo di macchia.

Macchie di vino rosso. Se abbiamo a che fare con la classica macchia di vino rosso sulla tovaglia, un metodo molto astuto è quello del ‘vino su vino’, quindi versate del vino bianco su quello rosso, strofinate leggermente con un panno morbido e poi procedete al normale lavaggio. Un altro trucco consiste nel cospargere la macchia di sale fino, lasciate agire per qualche minuto, e poi rimuovete con un panno bagnato in acqua calda. Tra i rimedi ‘della nonna’ più efficaci c’è anche la consuetudine di trattare le macchie di vino rosso sulle tovaglie con il succo di limone per poi completare il lavaggio a mano con acqua e sapone di Marsiglia. Per saperne di più su questo tipo di macchie, comunque, trovate una guida apposita a come togliere le macchie di vino rosso con prodotti naturali.

Macchia di unto. Se a deturpare l’aspetto della nostra tovaglia preferita è una gigantesca macchia di unto il nostro alleato numero uno è l’aceto di vino bianco, o in alternativa, l’alcool etilico; strofinate bene dopo aver lasciato agire massimo 10 minuti.

Macchie di verdura. Come quelle che lasciano gli spinaci, queste macchie sono particolarmente difficili da rimuovere e per riuscirci potete intervenire strofinando mezza patata cruda per poi lasciare in ammollo per un’ora in acqua e bicarbonato.

Macchie di cioccolato. Il rimedio qui si chiama acqua calda e perborato. Lasciate in ammollo -anche mezza giornata- la tovaglia in acqua calda e perborato e la macchia di cioccolato sarà sistemata.

Macchie di caffé. Il sapone di Marsiglia e molto ‘olio di gomito’ vi permetterà di eliminare gli aloni lasciati dalle macchie di caffé. Ecco anche una guida apposita che vi aiuterà a pulire le macchie di caffé su ogni capo.

come smacchiare le tovaglie

Come smacchiare le tovaglie: ad ogni tipo di macchia, il suo rimedio

Macchie di sugo. Ma veniamo alle tanto temute macchie di sugo (fresche o incrostate) che campeggiano sulla tovaglia; se è fresca agite d’astuzia, vale a dire fate scorrere dell’acqua fredda sul rovescio del lembo macchiato e lasciate che il getto trascini via verso i bordi il sugo. Più ardua l’impresa con quelle già secche, che occorrerà pre-trattare con una crema di bicarbonato e sale prima del normale lavaggio. In ogni caso, ricordate di testare su un angolino la resistenza dei tessuti e dei colori, così da non peggiorare la situazione e dire addio alla vostra amata tovaglia…

Avete trovato il rimedio che fa alla vostra macchia? No? Allora dovete assolutamente consultare la nostra super-guida alla pulizia ecologica, dove troverete tutti i metodi più ecologici, i rimedi della nonna e le ricette per produrre da voi i detergenti e risparmiare, senza danneggiare l’ambiente e avere comunque ottimi risultati.

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *