Come traslocare con gli animali domestici: idee e consigli

by Elle on 27 giugno 2016

Traslocare con gli animali domestici come cani o gatti richiede qualche accorgimento in più per evitare che i nostri amici pelosi si stressino troppo. Vediamo come fare.

Traslocare con gli animali domestici può diventare un’ulteriore fonte di stress, se non si gestisce la situazione nel migliore dei modi. La scelta di cambiare casa richiede sforzo e fatica non solo agli umani, spesso coinvolti in modifiche al proprio stile di vita, ma anche ai nostri amici pelosi che risentono degli spostamenti.

Innanzitutto per rendere un trasloco meno stressante occorre coinvolgerli il meno possibile nei momenti caotici durante il cambiamento di casa. Altrettanto importante è favorire una fase di ambientazione, considerato che trovarsi a vivere in un ambiente sconosciuto, privo di riferimenti familiari e di odori noti, richiede per loro un notevole sforzo di adattamento.

Gli animali domestici, amanti di routine e abitudini consolidate, possono sentirsi disorientati e impauriti dalle nuove situazioni; pertanto è bene tenerli al sicuro nei primi momenti pur lasciandoli liberi di esplorare e perlustrare il nuovo ambiente domestico.

Scopriamo le razze di cani più belli e interessanti

Traslocare con gli animali: come gestire i gatti

traslocare con gli animali

Traslocare con un gatto

I gatti, animali estremamente abitudinari e amanti dei luoghi familiari, rischiano di essere sottoposti ad un vero e proprio evento traumatico, se non accompagnati dolcemente nel momento del trasloco. Utilizzando dei semplici accorgimenti si può rendere questo spostamento il più indolore possibile.

  • isolare il gatto il una stanza (preferibilmente la camera da letto), lasciando a sua disposizione tutto l’occorrente (cibo, acqua, lettiera), mentre si procede con il trasloco negli altri ambienti della casa (sia che venga incaricata una ditta sia che lo facciate voi personalmente). Assicurarsi che la porta rimanga chiusa per evitare di coinvolgere il nostro felino nel rumore e nel disordine con cui va decisamente poco d’accordo.
  • trasportare il gatto fuori dalla casa, riponendolo prima nel suo trasportino, per poter procedere allo spostamento dei mobili presenti nella stanza in cui era custodito. A questo punto si potrà portarlo nella nuova dimora, facendo attenzione a non lasciarlo uscire troppo presto dal trasportino perché potrebbe scappare. Nel caso di lunghi tragitti in auto o con altri mezzi di trasporto, si può chiedere un parere al proprio veterinario di fiducia; se il felino si mostra troppo ansioso e agitato dagli spostamenti, potrebbe consigliare la somministrazione di un blando sedativo.
  • facilitare l’insediamento nella nuova abitazione è un altro passo decisivo per concludere il trasloco nel modo ottimale. Anche se il gatto è abituato alla vita all’aperto, è preferibile non farlo uscire subito, perché potrebbe scappare, disorientato dall’assenza di riferimenti noti. Un’ottima strategia consiste nel rendere l’ambiente domestico nuovamente familiare, anche grazie all’utilizzo di odori rassicuranti: per questo si possono usare diffusori di ferormoni felici sintetici o, più semplicemente, strofinare un panno di cotone delicatamente sulle guance del gatto e poi su angoli delle porte, muri e mobili alla sua altezza, in modo da fornirgli degli input olfattivi di facile riconoscibilità. Nei primi momenti di adattamento sarebbe opportuno rimanere accanto al proprio amico a quattro zampe, lasciando libero di esplorare il nuovo ambiente e di essere rassicurato da carezze e coccole.

Tutto sui… Cani in spiaggia: diritti e doveri

Traslocare con gli animali: come gestire il cane

traslocare con gli animali

Traslocare con gli animali: con il cane meglio fare una visita preliminare nel nuovo appartamento

Anche per i cani, per quanto apparentemente più adattabili ai cambiamenti, vanno adottate delle misure preventive per facilitare questo importante cambiamento. Si possono distinguere tre utili passaggi da tenere in considerazione:

  • preparare il cane alla nuova casa, permettendogli una visita preliminare in loco, se possibile, permette di rendere il cambiamento di abitazione un’esperienza meno sgradevole e fastidiosa Associare questa visita a del cibo permetterà al cane di ricordarla come un evento positivo nel momento effettivo del trasloco
  • garantire tranquillità al cane durante i momenti frenetici del trasloco, affidandolo a delle persone che conosce o sistemandolo in un punto della casa in cui non vi sia troppo rumore e confusione.
  • lasciare che il cane si ambienti nella sua nuova dimora, individuando un angolo della casa o una stanza in cui possa sistemarsi ritrovando la sua cuccia e i suoi giochi ma lasciandolo al contempo libero di conoscere il nuovo ambiente.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *