Conferenza ONU, finalmente si raddoppiano fondi per la biodiversità

di Elle del 13 novembre 2012

Si è tenuta lo scorso ottobre a Hyderabad, in India centrale, la Conferenza ONU sulla biodiversità del nostro pianeta.
Durante la conferenza, cui hanno aderito 170 Nazioni, si è discusso in particolare di risorse e investimenti: nelle ultime battute, è stato decretato che i fondi per la biodiversità raddoppieranno dal 2015 giungendo a circa 12 miliardi all’anno totali. Questo finanziamento mira a raggiungere gli obiettivi fissati nel corso dell’ultima di Nagoya, in Giappone, durante la quale era stato elaborato un piano strategico dal 2011 al 2020.

In molti, tuttavia, si sono mostrati scettici: saranno sufficienti questi fondi per tutelare animali e piante del nostro Pianeta?

Insoddisfatti gli ambientalisti: il WWF segnala che si tratta di un finanziamento scarso per riuscire a sostenere un’efficace tutela della biodiversità, che richiederebbe uno stanziamento di almeno 200 miliardi di dollari.

Accanto all’aumento dei fondi, seppure considerato da molti troppo limitato, la conferenza si è conclusa con un accordo importante circa la necessità di incrementare anche l’impegno nella salvaguardia soprattutto delle specie marine.

Si potrebbe, tuttavia, individuare uno spiraglio positivo nella maggiore attenzione alle problematiche legate alla tutela della biodiversità marina. Bicchiere mezzo vuoto o bicchiere mezzo pieno che sia, di certo si tratta di un passo verso la giusta direzione il riconoscimento da parte di così tanti governi del fatto che la biodiversità e gli ecosistemi siano una priorità dello sviluppo.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *