Cos’è e a cosa serve lo scrub

di Maura Lugano del 5 dicembre 2014

Ma tutte sapete esattamente cos’è e a cosa serve lo scrub? Se avete dei dubbi, ve lo diciamo noi…

Vi siete mai chieste se avete sapete esattamente a cosa serve lo scrub? Quando avete bisogno di una pulizia profonda della pelle del viso – e del corpo – per eliminare il più possibile residui di sporco, di trucco e anche di smog, ed eliminare a livello superficiale le cellule morte, facilitando così il rinnovamento degli strati cutanei superficiali, ecco allora vi serve uno scrub.

Un altro importante beneficio di questo cosmetico è che prepara la pelle a ricevere successivi trattamenti di bellezza, predisponendola ad assorbire e assimilare in modo più efficace i principi idratanti, nutrienti e ristrutturanti di altri trattamenti cosmetici, di maschere e creme di bellezza; è inoltre indicato per l’abbronzatura, perché rimuovendo lo strato corneo superficiale la tintarella sarà più duraturo e uniforme.

Leggi anche:

Se ci sottoponiamo a trattamenti presso centri estetici possiamo scegliere tra tipologie diverse di scrub, infatti, oltre a quello da eseguire manualmente, esiste anche un peeling chimico che si basa sull’azione degli alfa-idrossiacidi, come l’acido glicolico, i quali agiscono chimicamente impedendo i legami chimici delle cellule dell’epidermide. Questi scrub possono essere più aggressivi  di quelli manuali poiché possono rimuovere anche le macchie della pelle e i segni del tempo più profondi.

Gli scrub manuali sono  invece più conosciuti e più facilmente eseguibili a casa sia con prodotti appositi acquistati presso negozi ed erboristerie, sia con quelli da preparare da soli con ingredienti naturali.

Come abbiamo detto, il primo compito è quello di pulire profondamente l’epidermide, negli scrub casalinghi questo avviene sfruttando sostanze di tipo granulare, ad esempio lo zucchero e il sale fino o grosso, il bicarbonato, i fondi di caffé, la farina bianca, la farina di mais, il cacao e simili, che agiscono sfregando l’epidermide e quindi eliminando le impurità che possono favorire il prodursi di punti neri, brufoletti e cellule morte che sono la causa di una pelle spenta e poco elastica.

Per preparare uno scrub casalingo, oltre alle sostanze esfoglianti, occorre aggiungere una sostanza con proprietà idratanti e nutrienti come può essere un olio vegetale, ad esempio l’olio di mandorla, di jojoba o anche l’olio di oliva, tutti dotati di proprietà cosmetiche idratanti, emollienti e antinvecchiamento, oppure anche il miele che è lenitivo e cicatrizzante. Mettendo insieme i due tipi di sostanza si ottiene un composto cremoso che si stende facilmente sul viso (evitando le zone bocca e occhi) o sul corpo.

Se si desidera rendere il momento dello scrub un’esperienza sensoriale più completa si aggiunge qualche olio essenziale a piacere, o ancora alcune gocce di limone se si vuole ottenere un effetto astringente su pelli grasse.

ricette scrub

Cos’è e a cosa serve lo scrub

Numerose, facili e veloci sono le combinazioni di prodotti naturali. Le combinazioni sono infinite: bicarbonato e acqua, zucchero di canna e acqua, miele e zucchero di canna, zucchero di canna e olio di oliva, zucchero e yogurt naturale…

Siete pronte per farvi uno scrub?

Potrebbe interessare:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *