Cos’è la vasocottura e come funziona

di Stefania Luccarini del 14 settembre 2015

Sapete cos’è la vasocottura? Ve lo spieghiamo noi, così potrete cucinare in modo sano e risparmiare sul gas.

Si tratta di una tecnica culinaria che è sempre esistita ma che solo in questi ultimi tempi è tornata di gran moda. Consente di fare una cucina sana e di effetto, tanto che anche i grandi chef stanno volgendo la loro attenzione a questo metodo di cottura ispirato alle classiche conserve.

In sostanza, per cucinare nei vasi si procede proprio come per la marmellata: si mettono all’interno del vaso tutti gli ingredienti, si chiude e si cuoce nel microonde a media potenza, oppure sui fornelli a bagnomaria (avendo cura di mettere uno strofinaccio tra i barattoli ), o ancora nel forno ventilato (da 60° a 150°) con dell’acqua.

La vasocottura può essere fatta anche in lavastoviglie, basterà chiudere i barattoli in sacchetti resistenti al calore. E’ un modo di sfruttare il calore elevato prodotto dall’elettrodomestico durante la fase di asciugatura, ed è quindi decisamente green. A questo porposito leggi il nostro: Come cucinare con la lavastoviglie

Si può realizzare un intero menù, dalla carne al pesce, alle creme, l’unica cosa però è che non possono essere messi all’interno i funghi, poiché con la cottura liberano tossine che poi restano all’interno, e le patate a meno che non vengano lessate prima. Questo è un metodo di cottura che si presta bene per cucinare il pesce che è pronto in un attimo e per le carni che, cuocendo nei loro stessi liquidi restano molto morbide.

Leggi anche: 

Perché la vasocottura è salutare?

Con questo tipo di cottura, non vi è dispersione di sostanze nutritive che restano invece tutte all’interno del barattolo. Anche i sapori e gli aromi, restando all’interno, consentono di salare meno le pietanze.

Ma c’è di più. E’ anche un metodo molto pratico e veloce, poiché consente di preparare in anticipo senza pregiudicare il risultato finale. Infatti, una volta preparato il tutto nel vasetto, si può conservare in frigorifero per poi scaldarlo solamente; e bastano 10-15 minuti, mentre a temperatura ambiente in 6 minuti è pronto.

Se poi si scelgono dei bei vasetti, si possono portare in tavola direttamente, controllando anche le porzioni, che non saranno mai così esagerate!

Cos’è la vasocottura e come funziona

Cos’è la vasocottura e come funziona

La vasocottura in pratica

Per effettuare la vaso cottura è sufficiente avere a disposizione i classici contenitori da marmellata. L’importante è sempre controllare che i tappi e le guarnizioni in gomma siano integri e perfettamente funzionanti, altrimenti non saranno in grado di mantenere il sottovuoto.

Se avete un forno a microonde, in 6 minuti a 700-800 W potrete cuocere la vostra pietanza in vaso, ricordatevi solo di inserire nel microonde i vasetti con tappo di vetro, perché il metallo non va bene. Se volete usare il forno, in una pirofila sistemate i vasetti con 2 cm di acqua e fate cuocere per 20 minuti a 60°-80°, mentre a bagnomaria serve un tegame da riempire ai 2/3 dei vasetti di acqua per 15 minuti circa, separando con uno straccio i vasetti perché non urtino tra loro.

Quando la pietanza è cotta, e potrete controllare grazie al vetro, fate attenzione che il vasetto sarà bollente e il cibo continuerà a cuocere al suo interno. Capovolgete i barattoli per distribuire bene i liquidi e apriteli solo dopo 5 minuti, facendo attenzione al vapore che fuoriesce. Si verifica un effetto ‘pentola a pressione’ che vi farebbe schizzare tutti fuori. Se avete i vasetti con la guarnizione di gomma, tirate la linguetta, altrimenti usate pure quelli con il tappo a vite.

Altra cosa importante, per una perfetta riuscita della ricetta è quella di mettere all’interno del vaso tutti ingredienti con gli stessi tempi di cottura. Il microonde poi assicura una cottura molto veloce, basta impostarlo alla potenza di scongelamento e tutto sarà pronto in metà tempo.

food jar

La vasocottura funziona anche per i dessert e i piatti a base di uova

Una ricetta per iniziare: la zuppa di pesce

Sistemate nel vaso gamberi, scampi, vongole e cozze e qualche pomodorino. Aggiungete del basilico o altre erbe aromatiche come timo e prezzemolo, e dell’olio evo. Se cuocete a bagnomaria, in 6 minuti circa a 700-800 w di potenza ed è tutto pronto! Potete servire con del pane tostato.

{ 1 comment… read it below or add one }

anna ottobre 3, 2016 alle 9:49 am

Io vorrei provare a fare in vasocottura le castagne fresche, secondo voi si può? come fare? mi piacerebbe.

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *