Cucina ebraica: principi della cucina Kasheruth e ricette

by Luca Scialò on 22 aprile 2016

Cucina ebraica: scopriamo i principi alla base della cucina Kasheruth ed alcune ricette di cibo kosher

Kasheruth o anche Casherut (in ebraico כשרות, letteralmente ‘adeguatezza‘) indica l’idoneità di un cibo ad essere consumato dagli ebrei osservanti. Si tratta dunque di un insieme di regole alimentari che la religione ebraica stabilsce nella Torah.

Il cibo che risponde a questi requisiti è cibo kosher (kasher o casher cioè ‘adatto‘). A causa delle moltissime norme, per preparare un pasto Kasher è necessaria una grande dimestichezza con il kasherut.

Ma in realtà mangiare kosher non è altro che applicare un comportamento di igiene alimentare e una serie di buone pratiche valide per tutti: si consiglia infatti di usare cibo biologico, a km zero, per lo più a frutta, legumi e verdura.

Suggerimento: scoprite la nostra guida alle ricette vegetariane 

Cucina ebraica: principi della cucina Kasheruth e cibo Kosher

La cucina ebraica quindi un regime adatto anche ai non ebrei che osservano  una dieta bilanciata ed eco-sostenibile ma è consigliato anche a chi soffre di problemi alimentari come intolleranze e celiachia.

Non ultimo, mangiare kosher vuol dire anche riscoprire i sapori della tradizione.

In sostanza, le prescrizioni per la carne e il pesce sono eco-sostenibili perché riducendo le tipologie ammesse, diminuiscono il consumo di questi alimenti e la distruzione delle biodiversità per far posto all’allevamento.

  • Tra la carne si può mangiare solo quella dei ruminanti con lo zoccolo “spaccato”, quindi sì alla mucca e alla selvaggina e nò al maiale e al cavallo. E che non sia lavorata con il latte o prodotti caseari, e dunque niente cheesburger.
  • Inoltre gli animali nati dall’unione di specie diverse (kilàyim) sono vietati e lo stesso vale per le verdure, quindi niente cibi OGM né frutta come mapo o mandaranci.
cucina ebraica romana - carciofi

i carciofi alla Giudia, piatto tipico della cucina ebraica romana

  • A proposito di pesce, c’è l’obbligo di avere pinne o comunque squame meglio se locale, quindi niente crostacei e frutti di mare.

Di conseguenza tra gli animali consentiti ci sono quelli a bassa emissione di CO2, per il cui allevamento la quantità di gas serra è ridotta in modo consistente.

Oltre ai vantaggi ambientali, la cucina ebraica comporta anche un imponente giro di affari. Una stima del 2007 dice che i cibi kosher sono arrivati a generare un fatturato di 9,5 miliardi di euro in un mercato alimentare al dettaglio di 400 miliardi.

In effetti mangia cibo kosher anche chi ebreo non è:

Secondo la società di marketing Lubicom, tra i 10,2 milioni di americani che mangiano kosher, circa 3 milioni sono addirittura musulmani, perchè anche per loro, le regole di igiene alimentare dettate dal Corano, cibo lavorato in modo halal, in gran parte si sovrappongono a quelle kosher.

Insomma, mangiare ebraico fa bene al corpo, all’anima, all’economia e all’ambiente. E magari proprio dal cibo potrebbe partire un maggiore dialogo tra le religioni.

Eccovi alcune ricette da noi provate tipiche della cucina ebraica:

Per finire vi consigliamo alcuni libri di ricette e cucina ebraica:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *