Curare la tallonite in modo naturale

di Elle del 28 agosto 2015

Si tratta di una delle infiammazioni che affligge sempre più frequentemente chi pratica sport, in particolar modo gli sportivi più assidui. Scopriamo come curare la tallonite naturalmente e senza alcun effetto collaterale.

La tallonite indica una condizione dolorosa che può affliggere il tallone a causa di un’infiammazione localizzata all’altezza del calcagno. Essa colpisce soprattutto gli sportivi, che sollecitano particolarmente questa parte del corpo durante le prestazioni agonistiche, provocando dei microtraumi al tallone: in questo caso  si parla di tallonite dello sportivo.

Forse ti potrà interessare anche:

Cos’è la tallonite

La tallonite è infatti diventata una patologia assai frequente specialmente negli ultimi anni in diversi sport professionistici, dove atleti sempre più sviluppati dal punto di vista muscolare sovente sottopongono il piede a sollecitazioni funzionali estreme.

Va però detto che tutti possono subire un infortunio a carico di questa zona, in particolare in presenza di fattori predisponenti come un’errata scelta delle calzature. Spesso capita infatti di trovare in commercio scarpe (specialmente sportive) non idonee ad una corretta distribuzione del carico sul piede, che possono favorire l’insorgere di questo problema. A volte questo problema può riguardare anche donne che indossano frequentemente scarpe con tacco alto e non è infrequente che il problema – tra i non sportivi – venga risolto semplicemente cambiando le calzature.

Altre cause possono risiedere in alterazioni posturali oppure patologie individuali, come artite oppure malattie metaboliche (come la gotta) e reumatiche. Analogamente, essere sovrappeso può essere un fattore che favorisce l’insorgere della tallonite.

SCOPRI ANCHE: Come curare la fascite plantare con metodi naturali

Come curare la tallonite in modo naturale

Per tutte le ragioni sopra elencate, si rivela innanzitutto molto importante una corretta diagnosi a seguito della quale la prima misura da adottare consiste nel garantirsi un totale riposo, soprattutto nei primi giorni dopo l’infortunio o l’insorgere della condizione dolorosa, al fine di evitare possibili peggioramenti della condizione dolorosa. Continuare a forzare il tallone usando antidolorifici è infatti la peggiore scelta possibile, che potrebbe dare adito a problemi ancora maggiori e cronici all’interno di un quadro già parzialmente compromesso.

tallonite

Curare la tallonite naturalmente è possibile: presupposto è una corretta diagnosi.

Se nemmeno un periodo di riposo di 2/3 settimane porta alla risoluzione del problema, diventa necessario svolgere nuovi indagini per capire l’origine del problema, tra cui un esame radiografico.

Passando ai veri e propri rimedi naturali, che possono risultare utili per alleviare la condizione dolorosa dovuta alla tallonite durante il periodo di recupero, si possono utilizzare  ingredienti come l‘artiglio del diavolo, una delle erbe con proprietà anti-infiammatorie più efficaci: è indicato particolarmente per problemi di tipo infiammatorio e quindi utile nei giorni immediatamente successivi al’infortunio, ed il salice bianco, che garantisce un’azione analgesica.

Sono poi consigliati esercizi di stretching legati alla stimolazione della pianta del piede, preceduti magari da una una breve passeggiata e terapie fisiche come massaggi.

Anche l’adozione di gambaletti rigidi e tutori notturni può essere utile per curare la tallonite: qualora il dolore fosse molto intenso, per diminuire il carico sui piedi, può essere consigliato il ricorso alle stampelle.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *