Erbe medicinali: la guida completa per curarsi con le erbe

by Erika Facciolla on 18 settembre 2016

Curarsi con le erbe medicinali è una delle attività che l’Uomo pratica da millenni, avendo imparato a riconoscerne le numerose proprietà e le virtù terapeutiche, oltre che cosmetiche e culinarie.

Erbe medicinali: diceva Ralph Waldo Emerson: “Un’erbaccia è soltanto una pianta di cui non sono state ancora scoperte le virtù”. In effetti la citazione del filosofo statunitense potrebbe essere considerata il paradigma naturalistico di chi crede che curarsi con le erbe sia possibile, grazie alle loro infinite virtù curative.

Fitoterapia

E’ la fitoterapia, ossia l’utilizzo delle delle erbe officinali e le loro applicazioni terapeutiche. In realtà, già da secoli le piante sono considerate le principali fonti di sostanze medicamentose per sostenere il benessere e la salute di uomini e animali attraverso la preparazione di impacchi, decotti, ungenti e pozioni considerate quasi ‘magiche’.

La semplice credenza popolare si è trasformata in ricerca scientifica con la nascita della medicina tradizionale cinese, la tradizione ayurvedica indiana e quella del Mondo occidentale che viene dall’esperienza greca e romana.

L’arte erboristica, infine, ha identificato, selezionato e classificato le varie tipologie di piante distinguendo le semplici erbe dalle piante officinali, le spezie e le piante aromatiche e orientando la loro coltivazione e il loro utilizzo a fini prettamente terapeutici, cosmetici e nutritivi.

Le erbe costituiscono perfetti rimedi naturali per molti dei disturbi e delle affezioni più comuni, evitando gli spiacevoli effetti collaterali dei medicinali ‘convenzionali’ moderni, che pur si basano sui principi attivi presenti in Natura.

Curarsi con le erbe significa utilizzare quello che la Natura ci mette a disposizione, pratica riconosciuta anche dall’OMS che ha definito le piante medicinali “organismi vegetali che contengono dei principi attivi in grado di curare e lenire disturbi e malattie negli esseri umani e animali”.

Ad ogni pianta corrisponde un principio attivo terapeutico in grado di curare una specifica patologia, disturbo o malessere.

L’insieme di tutti i principi attivi presenti in una pianta officinale prende il nome di fito-complesso. Per questo motivo è importante conoscere le proprietà comuni alle piante e saperle utilizzare all’occorrenza.

I principi attivi delle piante, inoltre, possono avere un’efficacia maggiore se combinati in composti e preparazioni naturali appositamente mixati.

Erbe medicinali: i rimedi naturali contro i disturbi tipici della donna

Che siano antibiotici, antimicrobici, antiossidanti, lassativi, lenitivi, antinfiammatori, calmanti, depurativi, ipoglicemizzanti, espettoranti e sedativi, gli effetti dei principi attivi dei erbe e piante nella cura della salute umana devono essere ponderati adeguatamente su indicazione di un esperto o del proprio medico curante.

Curarsi con le erbe: la guida completa

Curarsi con le erbe: la guida completa

Erbe medicinali: le sostanze attive

In generale le sostanze benefiche più diffuse nelle erbe dalle quali si ottengono i benefici più importanti per mente e corpo sono:

  • Gli alcaloidi. Sono costituenti organici azotati efficaci per la cura di svariate patologie poiché capaci di notevoli effetti farmacologici. Gli alcaloidi comprendono sostanze che agiscono sul sistema neuromuscolare come la caffeina, la morfina, la nicotina e la mescalina. Viste le spiccate proprietà eccitanti ma anche deprimenti, gli alcaloidi devono essere assunti sotto stretto controllo medico per evitare effetti o interazioni pericolose con altri farmaci. Le piante più ricche di alcaloidi sono il té, il caffé, il tabacco, e in generale, tutte le piante appartenenti alle famiglie delle ranuncolacee, solanacee, papaveracee.
  • I polifenoli. Sono dei potenti antiossidanti naturali capaci di contrastare l’invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi. Ai polifenoli appartengono i tannini classificati come composti poliidrossifenoloci che si estraggono da cortecce, radici, frutti, foglie e galle. Svolgono un’azione astringente e sono dunque indicati nella cura di lesioni e ferite per favorire la cicatrizzazione dei tessuti. Il loro impiego, inoltre, è consigliato per la cura delle emorroidi e ragadi; per uso interno si utilizzano per contrastare diarrea, enteriti e stati infiammatori a carico dell’intestino e della mucosa gastrica.

Erbe medicinali: eccovi i rimedi naturali per i malanni di stagione

  • I flavonoidi (o biflavonoidi) sono assimilabili per caratteristiche ai polifenoli poiché svolgono analoga funzione antiossidante e colorante. Da alcuni flavonoidi, inoltre, si ricavano i glicosidi ovvero le sostanze responsabili dell’immagazzinamento degli zuccheri (ginseng, echinacea, liquirizia, rabarbaro).
  • I terpeni (o terpenoidi) caratterizzano gli oli essenziali più utilizzati in cosmesi; sono responsabili di odori e profumi di fiori e piante: basti pensare al limonene, la canfora e il mentolo.
  • Gli amidi. Derivati dalla trasformazione dello zucchero e caratterizzati da un alto grado di digeribilità, gli amidi vengo generalmente assunti in sinergia con altri principi attivi, in particolare come base per prodotti dietetici.
Erbe medicinali

Erbe medicinali: curarsi con le erbe è una pratica millenaria

RIMEDI NATURALI PER I DISTURBI VARI:

  • I glicosidi. Sono composti chimici costituiti da un gruppo zuccherino e da un gruppo non zuccherino chiamato aglicone. Visto l’effetto che sono in grado di svolgere sul corpo umano, il loro utilizzo è da consigliarsi sotto stretto controllo medico. I principali glucosidi svolgono importanti funzioni cardiotoniche, antinfiammatorie, analgesiche, diuretiche, reumatiche, lassative, vasodilatatrici, antispastiche, antisettiche, sudorifere. Alcuni tipi di glucosidi, se ingeriti in dosi eccessive, possono essere velenosi e provocare l’arresto cardio-circolatorio.

POTREBBERO INTERESSARTIAntibiotici naturali, quali sono

  • Le mucillagini. Più che un principio attivi, le mucillagini sono il risultato di un processo vegetativo. A contatto con l’acqua si dilatano diventando viscosi e collosi. La loro efficacia è testata nella cura degli stati infiammatori delle vie respiratorie, delle irritazioni della mucosa gastrica e intestinale. La malva e l’altea sono le piante più ricche di mucillagini e vengono impiegate nelle terapie naturali per la cura di mal di gola, faringiti, laringiti ecc.
  • Gli oli essenziali. Viste le loro infinite proprietà benefiche, gli oli essenziali sono tra le sostanze di origine naturale più impiegate in fitocosmesi e fitoterapia. Generalmente gli oli essenziali svolgono un’azione stimolante sulla pelle e sulle mucose ed espettorante e fluidificante sul sistema respiratorio. Le varietà vegetali più ricche di oli essenziali sono quelle appartenenti alle famiglie delle labiatae (menta, salvia), delle pinaceae (pino mugo) e ombrellifere (anice, finocchio).

Qualsiasi sia il disturbo che ci affligge, insomma, la natura è quasi sempre in grado di offrire una cura efficace. Curarsi con le erbe, sfruttando i benefici delle piante significa rispettare l’equilibrio naturale dell’organismo e prevenire (oltre che curare) i disturbi scaturiti da stimoli esterni negativi, abitudini alimentari scorrette e stili di vita frenetici. In altre parole, vuol dire ritrovare il benessere di corpo e mente, come la natura insegna.

POTREBBE INTERESSARTI5 rimedi naturali per l’ansia ma anche 7 erbe con proprietà anti-infiammatorie

Eccovi ora le nostre guide di dettaglio per conoscere le proprietà delle singole erbe medicinali:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *