Dagli skateboard gli occhiali da sole

di Luca Scialò del 9 gennaio 2013

Anche lo skateboard può essere utilizzato per farci…occhiali da sole. L’intuizione è nata dall’incontro tra Javier Mendizabal, professionista della tavola che fa parte della squadra Quiksilver, e il marchio Vuerich B.

Com’è possibile? Il legno robusto ma flessibile di vecchi skateboard, non più utilizzabili per la loro funzione originale, dopo più di cinque ore di lavoro da parte di artigiani esperti diventa una montatura. I colori sgargianti delle grafiche delle tavole non vengono ridipinti ma diventano una caratteristica identificativa del prodotto: ogni paio è unico e ha motivi non replicabili.

L’invenzione ha uno scopo benefico: parte del ricavato sarà donato all’organizzazione non governativa Skateistan, nata dopo il viaggio dello skater Oliver Percovich in Afghanistan. Per le strade di Kabul, un uomo su uno skateboard doveva apparire piuttosto esotico e Oliver veniva circondato da bambini incuriositi da questo mezzo di locomozione. Dopo aver portato in Afghanistan alcune tavole recuperate in Occidente, Oliver ha costruito il primo skatepark e la prima scuola di skate del Paese nel 2009.

Skateistan ha esteso la sua attività anche ad altri Paesi, tra i quali la Cambogia. Anche qui, l’obiettivo è di sviluppare nuove infrastrutture per esercitarsi in questa disciplina e offrire ai ragazzi la possibilità di scoprire una nuova passione.

Inoltre chi acquista i cinquanta pezzi in edizione limitata online riceverà una foto dello skateboard da cui hanno avuto origine gli occhiali e qualche informazione su chi l’aveva cavalcato. Un modo carino per rendere ancora più originale questa iniziativa.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *