Dalla pioggia energia per la casa per risparmiare in bolletta

di Alessia del 29 maggio 2014

Sapete che dalla pioggia può arrivare energia per la casa e risparmiare così in bolletta?

Molti film apocalittici ci hanno mostrato spesso immagini fantasiose di come sarebbe la nostra vita sulla Terra se un giorno rimanessimo senza elettricità. Sicuramente per le società industrializzate, abituate a gestire la maggior parte delle attività in funzione dell’energia elettrica, gli effetti sarebbero a dir poco devastanti.

Leggi anche: ll piano di Philadelphia per gestire le acque piovane in modo eco

Eppure ci sono ancora popolazioni che continuano a sopravvivere senza corrente, con tutti i rischi che questo comporta, e in più l’impossibilità di avere una rete idrica domestica.

Gli studenti dell’Università Tecnologica del Messico (UNITEC) hanno studiato un sistema di microturbine per sfruttare l’acqua piovana e produrre così energia risparmiando molto sul costo di produzione. Il dispositivo si chiama Pluvia e sfrutta i principi delle dighe idroelettriche.

Potrebbe interessarti: Eole Water: la turbina eolica che trasforma l’umidità in acqua

L’acqua piovana viene raccolta dalle grondaie del tetto e viene fatta passare attraverso un filtro depurandosi di tutte le particelle estranee che, soprattutto nelle prime due settimane della stagione delle piogge, sono altamente acidificanti e contaminate.

Nel caso in cui il tetto non presenti la giusta pendenza vengono installati dei fogli per simulare il pendio.

Dopodichè l’acqua viene convogliata in un serbatoio e, con la potenza guadagnata cadendo dall’alto, il getto va ad alimentare una microturbina che genera elettricità.

Vai a: 6 idee per purificare l’acqua per chi è senza elettricità

L’ultimo passaggio consiste in un ulteriore processo di depurazione attraverso un filtro a carboni attivi dove l’acqua viene liberata da odori, sapori e colori.

A questo punto l’acqua è simile a quella presente nel sistema di alimentazione della rete di Città del Messico, assicurano gli studenti impegnati nel progetto.

Che idea! Photoflow, acqua potabile ed elettricità insieme

La microturbina per ora riesce solo a ricaricare le batterie da 12 volt per cui gli studenti stanno verificando il modo di aumentarne la potenza e la capacità di immagazzinamento.

Pluvia è stato testato per la comunità povera di Iztapalapa, a Città del Messico, ma l’obiettivo è quello di estendere il dispositivo a tutte le zone rurali di modo da fornire acqua ed elettricità al maggior numero possibile di abitazioni.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *