Dopo Quirra, anche a Torre Veneri armamenti contaminati

di Luca Scialò del 25 febbraio 2013

La relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito ha svelato un quadro inquietante in quel di Lecce: a Torre Veneri (Lecce) si trova un lotto di armi utilizzato nel poligono militare sospettato di contenere materiali tossici. In particolare, conterrebbe numerosi rottami metallici e un certo numero di penetratori metallici con sigle non identificate.

Poco si sa su questo pericoloso arsenale. Solo che l’IMI 1-1-1985 è un lotto di proiettili acquistato dalla ditta Israel Military Industries a metà anni ‘80, mentre era in vigore il bando per il commercio con quel Paese.

E’ stato utilizzato dal nostro contingente impegnato in Somalia nel ’93. Ed è lo stesso al centro di tre interrogazioni parlamentari, tra il 2001 e il 2003.

Dal Forum di TuttoGreen: Sindrome di Quirra, aperta un’inchiesta casi di tumori vicino a poligono in Sardegna

Spetterà alla Procura di Lecce provare a colmare le lacune della relazione della Commissione. Il fascicolo è aperto sulla scrivania del sostituto procuratore Elsa Valeria Mignone. Le indagini dovranno cercare di provare il nesso tra le neoplasie di soldati (e non solo) e il possibile inquinamento.

Questo caso va ad aggiungersi a quelli di Quirra, Nettuno e Capo Teulada.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *