E’ arrivata l’estate, cosa succede nel cielo?

di Eryeffe del 21 giugno 2013

Tra il 20 e il 21 giugno 2013 l’Estate astronomica debutterà ufficialmente con il consueto solstizio d’estate, detto anche ‘giorno del sole’, giorno in cui il Sole raggiunge la massima distanza dall’Equatore e sulla Terra si hanno il massimo delle ore di luce.  Al contrario, il 21 dicembre (solstizio d’inverno) segna l’inizio dell’Inverno astronomico, con la notte più lunga dell’anno.

Quest’anno il solstizio estivo avverrà il 21 giugno 2013 alle 05:04 quando il Sole raggiungerà il punto di massima elevazione sull’orizzonte e la sua luce illuminerà l’emisfero settentrionale per più di 15 ore. Opposta la situazione nell’emisfero meridionale del Pianeta: qui il 21 giugno coincide con il solstizio d’inverno con il giorno più breve dell’anno e il Sole è posizionato all’altezza minima rispetto all’orizzonte terrestre.

SCOPRI ANCHE: Coltivare con la luna, come le fasi lunari influenzano l’agricoltura

L’alternanza delle stagioni è essenziale alla vita degli animali e delle piante, così come degli uomini che in base ai cicli cosmici e ai ritmi astrali hanno imparato ad organizzare la propria esistenza e le principali attività, agricole e non. E contrariamente alla credenza che il solstizio del 21 giugno coincida con il primo giorno d’estate, è bene sapere che astronomicamente nel cielo accade esattamente l’inverso: dal 24 giugno in poi, infatti, il Sole comincia a decrescere inesorabilmente sull’orizzonte fino all’inverno successivo. Il fatto che faccia più caldo dipende esclusivamente dall’inclinazione dei raggi solari rispetto all’asse terrestre, che d’estate sono più perpendicolari che durante la stagione invernale.

In campagna l’arrivo dell’estate astronomica è festeggiato da sempre con particolare trasporto poiché coincide con il momento della trebbiatura e del grande raccolto del grano, oltre che di ortaggi e frutta (fragole, mele pesche, pere, kiwi). L’estate è anche la stagione della raccolta dei pomodori, delle cipolle e della campagna saccarifera.

LEGGI QUESTI ARTICOLI SIMILI:

Al contempo il lavoro nei campi ferve per l’aratura e la semina del grano saraceno (luglio), la pulizia della vigne, l’estirpazione del lino, la raccolta della canapa (agosto) e la successiva macerazione. Nelle stalle ci si industria per la lavorazione del latte, la raccolta del fieno selvatico per gli animali e il foraggio per le pecore in vista dell’inverno.

E mentre la maggior parte di noi sogna le vacanze nelle mete turistiche preferite, il lavoro dei contadini in questo periodo è più intenso che mai…

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *