Eco-valutare il turismo: il progetto ECOLNET

di Salvo del 30 gennaio 2013

Ecosostenibilità è una tra le parole più utilizzate in questo momento storico ed è considerata ormai una vera e propria necessità più che un semplice concetto, visto che la riduzione dell’impatto ambientale e uno stile di vita ecosostenibile giocano un ruolo sempre più di primo piano anche nella vita quotidiana, sia per il singolo, sia per la collettività.

Anche alcune attività turistiche negli ultimi tempi hanno rivolto l’attenzione verso quelle pratiche che consentono loro di avvalersi del titolo di ‘ecosostenibili’. E’ nato così un filone, quello dell’ecoturismo, che promette di essere sempre più sulla cresta dell’onda: scegliere delle strutture che rispettino una serie di criteri ambientali ed etici sta diventando, presso un certo tipo di pubblico, un’abitudine. E, visto come in altri ambiti il valore dell’ecosostenibilità si sia diffuso anche tra un target inizialmente poco interessato, c’è da credere che possa succedere la stessa cosa anche nell’ambito dell’ecoturismo.

FOCUS: Turismo sostenibile, le regole imprescindibili

E’ in questo contesto che è nato ECOLNET, il progetto di innovazione internazionale co-finanziato dalla Commissione Europea, che ha lo scopo sia di creare una rete sull’ecoturismo per mettere in contatto i soggetti interessati, sia di sviluppare una serie di strumenti innovativi di valutazione delle strutture cosiddette ecoturistiche che permettano e facilitino la certificazione di qualità attraverso lo Standard EETLS (European Ecotourism Labelling Standard).

Al progetto partecipa imaginary, azienda di Milano specializzata nella progettazione e realizzazione di serious games e simulazioni, che si è occupata dello sviluppo di una suite di strumenti di valutazione che permette di analizzare le strutture ecoturistiche tenendo conto dei criteri e dei parametri fissati dallo standard EETLS, anch’esso risultato del progetto di ricerca.

La valutazione (o l’autovalutazione) nell’ambito dell’ecoturismo è considerato un tema caldo: spesso cara da effettuarsi, rappresenta un enorme ostacolo soprattutto per le attività a conduzione famigliare, costrette ad assegnare questo compito a enti e organizzazioni esterne.

La suite di strumenti di valutazione online (e-evaluation tool) sviluppata da imaginary è basata secondo un sistema di Star Rating* ed è arricchita di elementi che ne aumentano la multimedialità, garantendone un utilizzo più immediato ed economico, ma al tempo stesso innovativo. Consente inoltre la generazione di una serie di risultati che permettono alle strutture di avere un quadro completo ed esaustivo circa le azioni da mettere in atto per adeguarsi effettivamente allo standard EETLS o, al contrario, di ricevere la conferma di conformità rispetto ai criteri richiesti.

SPECIALE: Viaggiare a piedi: una filosofia (e una prassi) che ci piace

L’aver determinato uno standard potrà consentire alle imprese ecoturistiche di guardare a un unico modello di riferimento e l’adottare uno stesso strumento di valutazione permetterà un’analisi oggettiva per procedere alla certificazione della struttura di interesse. Questo consentirà sia agli imprenditori del settore dell’ecoturismo di adeguarsi ai parametri stabiliti, sia agli utenti di avere tutte le informazioni potenzialmente utili per decidere di quale struttura avvalersi e compiere quindi una scelta davvero consapevole che vada nella direzione dell’ecosostenibilità.

A cura di: Raffaella Amoroso, responsabile comunicazione imaginary srl

*Lo Star Rating è un sistema di valutazione che si propone di valutare la qualità, per esempio, di alcune tipologie di servizi insieme al loro potenziale di miglioramento, esprimendolo con un numero variabile di stelle (da qui, appunto, il nome Star Rating) da zero a tre.

Forse ti potrebbe interessare anche: