Fattelo! E l’eco-lampada te la fai tu…

di Eryeffe del 6 novembre 2015

Appassionati del fai-da-te e dell’eco-design? Ecco a voi un altro oggetto da aggiungere alla vostra ‘collezione’, perfetto per arredare casa con un tocco di stile e di originalità, 100% sostenibile perché ricavato dai cartoni della pizza. Parliamo della prima eco-lampada realizzabile a casa grazie al rivoluzionario progetto ‘open source’ lanciato sul web da 4 giovani designer italiani con l’obiettivo di far riscoprire alle persone la soddisfazione del ‘far da sé’ e di diffondere la cultura del riciclo.

Manco a dirlo, l’originale progetto si chiama Fattelo!’ e sull’omonimo sito, si possono scaricare e stampare le sagome di oggetti riproducibili a casa propria con materiali di recupero o di scarto. Il primo progetto di ‘Fattelo!’ è, appunto, la 01Lamp ricavabile dal cartone della pizza.

Lo sapevate, infatti, che i classici contenitori da pizza, una volta utilizzati, non possono essere più riciclati né tanto meno gettati nel cestino della carta? Senza considerare che ogni anno, solo nel nostro paese, vengono prodotti circa 547,5 milioni di cartoni che costano ‘la vita’ a più di 200.000 alberi.

FOCUS: Lampade a LED per la casa, la guida completa

La eco-lampada proposta da ‘Fattelo!’ potrebbe fornire una valida soluzione al bisogno impellente di fermare tale spreco. E se di ‘fai-da-te’ proprio non volete sentirne parlare, potete acquistarla già fatta sul sito Fattelo al costo di 35 euro. In questo modo diventerete un membro della comunità e contribuirete alla creazione della società tramite crowdfunding.

fattelo

Ad ognuno la sua: si può anche decidere di dipingere e personalizzare Fattelo

Il progetto era partito proprio in questa modalità, con un finanziamento avvenuto con successo tramite il sito di ‘Eppela’.

Dunque, chi compra la lampada sostiene economicamente il progetto, chi decide di farla da sé contribuisce in termini di idee e innovazione: un valido modello di imprenditoria sostenibile basata sulla condivisione di idee, risorse ed esperienze.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *