Forse non berremo più caffé, la pianta è a rischio

di Elle del 17 luglio 2013

Il caffè è entrato ormai a far parte della nostra tradizione: la tazzina di caffè a colazione o durante una pausa durante il lavoro o lo studio costituisce un’abitudine diffusa per sostenere giornate spesso frenetiche ed impegnative o semplicemente per gustare l’aroma di questa bevanda.

Da buoni consumatori di caffeina, accogliamo con una certa preoccupazione l’allarme relativo al pericolo di scomparsa del caffé nei prossimi decenni a causa dei cambiamenti climatici lanciato dallo studio “Plus One” condotto da un gruppo di ricercatori dei Royal Botanic Gardens di Kew Gardens, in Gran Bretagna, in collaborazione con scienziati etiopi.

SCOPRI ANCHE: Caffé nell’oceano, un nuovo tipo di inquinamento

Questo studio, basato sull’analisi di modelli virtuali, costituisce il primo nel suo genere per la pianta selvatica del caffé di qualità arabica, la cui miscela da sola copre la metà del fabbisogno in Italia e nel Mondo.

La previsione stima una riduzione del numero di piante locali del tipo ‘arabica’, considerata quella più a rischio, compresa tra il 65 % e il 99,7 %; in base agli scenari più negativi previsti dai ricercatori questa varietà potrebbe essere destinata all’estinzione nel 2080.

I fattori di rischio per la sopravvivenze delle specie selvatiche includerebbero la scarsa capacità di adattamento ai cambiamenti del clima e la possibile nascita di nuovi parassiti o malattie in grado di colpirle.

QUESTA POI: Vivere senza rifiuti: finito il caffé mi mangio la tazzina!

L’auspicio è di cogliere con la dovuta serietà quest’allerta per riuscire a modificare il destino della specie preservando il patrimonio genetico di queste piante anche attraverso la collocazione in siti protetti.

D’altro canto, questo studio può costituire un monito anche contro la deforestazione selvaggia che ha colpito, ad esempio, alcune area dell’Etiopia, una delle principali produttrici della miscela arabica, determinando, in concomitanza, con i mutamenti climatici, una situazione poco favorevole alla sopravvivenza delle piante stesse.

 

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *