Frutta fresca al parco di Gamalero

di Erika Facciolla del 27 ottobre 2013

Il progetto pilota promosso nel piccolo comune di Gamalero (Alessandria) nasce con l’obiettivo di trasformare una semplice area di periferia dedicata al verde pubblico in un’esperienza unica per tutta la comunità. Così, a partire dal 2007, quello che prima era un soltanto un terreno incolto, abbellito qua e la da pochi alberi ornamentali, grazie al lavoro dei volontari dell’associazione Pro-natura Gamalero (‘La collina’) oggi è diventato un grande frutteto con ben 96 alberi già messi a dimora, completo di ‘percorso natura’, zone pic-nic attrezzate e giochi per bambini.

Uno sforzo collettivo, dunque, che ha visto la partecipazione di vivaisti e agronomi del posto coinvolti per identificare le varietà arboree autoctone più adatte ad essere ospitate su quel tipo di terreno: meli e peri, in prevalenza, ma anche albicocchi, ciliegi, pruni, peschi e fichi.

E A ROMA: si assegnano 33mila mq per farne orti urbani e strapparli al degrado e al cemento

Un’iniziativa che ha permesso di recuperare alcune delle varietà più antiche di alberi da frutta, molte delle quali non più in commercio, e di mettere a disposizione dell’intera comunità un piccolo paradiso della frutta dove chiunque può assaggiare e portare a casa gratuitamente qualche frutto. In altre parole, ‘come rendere pubblico un frutteto comunale’ coinvolgendo giovani e bambini alla conoscenza del territorio e del patrimonio ambientale con tantissime attività ludico-educative mirate.

Oltre al Comune di Gamalero e alle varie associazioni coinvolte, genitori e nonni hanno regalato ai propri figlie e nipoti un albero da frutto; il simbolo della speranza di un futuro migliore, in cui riscoprire l’importanza della terra e delle proprie radici.

E ora che è stata firmata anche la Convenzione tra associazione Pro-natura e Amministrazione comunale, verranno allestiti giochi scientifici, un osservatorio, un labirinto verde, un teatro e simboli multiculturali e ogni anno si celebrerà una giornata dedicata agli alberi. Un bell’esempio da seguire e attuare anche nelle nostre comunità, non vi pare?

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *