Gardens by the bay: a Singapore i più grandi giardini del mondo

di Chiara Greco del 13 dicembre 2012

Il fascino delle più grandi città del mondo deriva spesso anche dalle attrazioni e dai momenti indimenticabili che offrono. Singapore nel giugno scorso ha coinvolto turisti e abitanti in una maratona di festeggiamenti di ben 10 giorni per l’inaugurazione del parco più grande al mondo: i ‘Gardens by the Bay’.

SCOPRI ANCHE: Quali sono i giardini più belli d’Italia?

Questi giardini sono un incredibile esempio di eco-sostenibilità e di innovazione tecnologica nel campo delle energie rinnovabili, inaugurati dopo 5 anni di lavori, si dividono in più zone dedicate alle varie bio-diversità. La prima ad aprire è stata la Bay East, mentre le attrazioni più spettacolari del parco sono probabilmente quelle ubicate nei 10.000 metri quadrati di Bay South. E’ in questa zona, infatti, che si concentra il meglio della tecnologia green e del giardinaggio verticale.

VAI AI: Più bei giardini verticali del mondo

I grandi padiglioni in vetro e acciaio che ospitano piante tropicali e varietà vegetali provenienti da ogni parte del mondo, affiancano torri solari alte 50 metri – i cosiddetti  supertree – avvolti da una rigogliosa vegetazione su ogni lato che durante il giorno accumulano energia solare che di notte trasformano in luce, sufficiente ad illuminare in maniera suggestiva e pittoresca l’intero parco.

GUARDA LE FOTO!!

Guarda le foto

Accanto a questi supertree sorgono altri padiglioni ad alta efficienza energetica che accolgono piante, laghi artificiali e attività educative, in grado di risparmiare il 30% dell’energia consumata sfruttando gli scarti vegetali, come biocarburante. Anche l’uso dell’acqua, nell’avveniristico complesso, è particolarmente ponderato. Con un sofisticato sistema di filtraggio messo in atto attraverso l’uso di piante acquatiche, l’acqua lacustre e piovana viene raccolta e usata per l’irrigazione di tutto il parco e per il Flower Dome, uno dei padiglioni centrali, dedicato ai fiori.

LO SAPEVI… Green roof: i tetti verdi più belli e bizzarri del mondo

Che quello di Singapore rappresenti un modello tecnologicamente irraggiungibile probabilmente è vero, ma alcune delle soluzioni impiegate per il risparmio energetico e la riduzione dell’impatto ambientale potrebbero sicuramente essere ‘emulate’ anche in Europa.

LEGGI ANCHE:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *