Ghiacciai dell’Antartide al collasso, ma nessuno se n’è accorto

di Erika Facciolla del 4 agosto 2014

I cambiamenti climatici provocati dal surriscaldamento globale stanno mettendo a dura prova gli equilibri di uno degli ecosistemi più fragili e complessi del Pianeta, l’Antartide, dove alcuni dei più imponenti ghiacciai stanno gradualmente ‘collassando’ a causa dell’aumento delle temperature terrestri con un conseguente innalzamento del livello dei mari. Un processo graduale ma inesorabile che sta cambiando l’aspetto non solo dei ghiacciai, ma anche delle coste di tutto il mondo dove vive metà della popolazione mondiale.

Tuttavia, quello che potrebbe sembrare un tema già ampiamente dibattuto e da tempo sotto i riflettori dei media di fronte al quale l’opinione pubblica sembra essersi ormai sopita, nelle ultime settimane ha assunto nuovamente i toni di una vera e propria emergenza che ha richiamato l’attenzione dei massimi esperti e climatologi internazionali: la calotta antartica occidentale ha iniziato a ritirarsi in maniera irreversibile con un conseguente innalzamento del livello del mare superiore anche alle più pessimistiche aspettative.

L’ALLARME INASCOLTATO: I ghiacciai dell’Antartide si sciolgono sempre più velocemente

Il tanto temuto ‘punto di non ritorno’, dunque, sembra essere stato superato e a detta degli scienziati nei prossimi anni la fusione dei ghiacci provocherà un aumento del livello globale dei mari di circa 3 metri, ma la cosa peggiore è che neanche un drastico taglio delle emissioni di gas serra sarà in grado di arrestare questo drammatico processo che gli scienziati definiscono ‘inarrestabile’ e ‘irreversibile’.

Il collasso delle immense calotte antartiche sarebbe provocato dalle correnti di acqua calda che stanno attraversando lo specchio di acqua appena sotto i ghiacciai. Queste correnti, che normalmente si trovano a livelli molto più profondi, risalgono fino alla superficie trascinate dai forti venti occidentali che avvolgono l’Antartide in un circolo senza fine. E più la differenza di temperatura tra l’Antartide e il resto del Pianeta aumento, più questi venti si intensificano e spingono maggiori volumi di acqua calda in superficie sciogliendo lo strato più spesso del ghiaccio e facendo scivolare interi ghiacciai verso l’Oceano.

Prepariamoci, dunque, ad affrontare cambiamenti gravi e inesorabili perché qualsiasi cosa l’uomo tenti di fare d’ora in avanti non servirà più a nulla.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *