Groenlandia, ghiacci che si sciolgono stanno portando a galla relitti della guerra fredda inquinanti

di Luca Scialò del 19 ottobre 2016

Che in Groenlandia i ghiacciai si stiano sciogliendo, è un fatto ormai noto. Ma che lì ci fossero ancora relitti della Guerra Fredda, lo sanno in pochi. Soprattutto, che sono inquinanti e che stanno venendo a galla man mano essi si sciolgono.

La storia di un sito nucleare americano dismesso, che oggi – con lo scioglimento dei ghiacci – porta alla luce relitti altamente inquinanti, è stata ripresa dall’autorevole rivista Earth & Space Science News.

Partiamo dall’inizio. Durante la Guerra Fredda, nel 1959, gli Stati Uniti costruirono in Groenlandia il Camp Century, una base militare completamente racchiusa all’interno della calotta glaciale con lo scopo di testare nuove tecniche di costruzione che fossero adatte proprio alle zone ghiacciate e per condurre ricerche scientifiche destinate sempre all’ambiente artico.

Naturalmente, in pieno stile americano, il progetto si allargò e rispetto agli obiettivi iniziali, e Camp Century si trasformò in un sito top secret per progettare uno schieramento missilistico al fine di colpire l’Unione Sovietica qualora fosse scoppiata la guerra nucleare. No, non è un film di James Bond. Ma una triste realtà…

Scopri come… In Groenlandia si progetta di fondere iceberg per avere acqua da annaffiare

Il tutto, peraltro, su un territorio straniero, dato che la Groenlandia fa parte amministrativamente della Danimarca. Eppure, pare che anche lo Sato danese fosse tenuto all’insaputa del programma missilistico, vero scopo della realizzazione di Camp Century. Il suo nome era Project Iceworm.

Comunque, dopo qualche anno, il progetto fu archiviato e la base fu dismessa nel 1967. Tuttavia, furono lasciate lì le infrastrutture e le scorie radioattive prodotte nel frattempo. Avendo accortezza di rimuovere solo e soprattutto il reattore nucleare, troppo pericoloso da lasciare.

Gli americani si erano illusi che i ghiacciai avessero sepolto per sempre i resti, ma non hanno fatto i conti con il surriscaldamento globale!

Lì sarebbero presenti 200mila litri di gasolio, 240mila litri di acque di scarico, comprese le acque reflue, assieme ad una quantità sconosciuta di refrigerante a bassa radioattività usato dal generatore nucleare. Ci sarebbe poi una ancora non precisata quantità di policlorobifenili (Pcb), che sarebbero un inquinante tossico.

Se le simulazioni climatiche sono corrette, entro il 2090 la calotta di ghiaccio che copre Camp Century potrebbe passare da un regime di accumulo a un regime di scioglimento nivale. Ciò significa che tutti quei liquidi inquinanti potrebbero disperdersi nell’ambiente, finendo nell’Oceano artico.

Tuttavia, ad oggi bonificare il sito sarebbe un’operazione molto complicata, se non impossibile, poiché i rifiuti sono sepolti sotto decine di metri di ghiaccio. Insomma, è troppo presto per intervenire ma tra qualche decennio diventerà urgente.

Leggi anche: Narvalo, il mitico animale dell’Artico minacciato dal global warming

E qui casca l’asino! Chi si farà carico di bonificare l’aria dove giaceva Camp Century?

Infatti, se è vero che il sito era una base statunitense, si trova comunque su suolo danese. Paese all’epoca consenziente o ignorante di quello che succedeva. Inoltre oggi la Groenlandia è in regime di auto-governo. Come San Marino o il Vaticano sul suolo italiano, per intenderci.

Dunque, si creerà un bel conflitto di competenze. Inoltre, nulla ci vieta di credere che di Camp Century ce ne siano molti altri in giro per il Mondo. E che magari stanno già inquinando a nostra insaputa.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *