Grove Labs, per coltivare l’orto in casa o direttamente in cucina!

di Simona Treré del 19 settembre 2014

La produzione di cibo si sta affiancando sempre più alla tecnologia, così coltivare l’orto in casa è sempre più facile e accessibile anche a chi non ha un giardino o un balcone. Sono vari i progetti che stanno nascendo con l’obiettivo di favorire una vera e propria “coltivazione casalinga”, all’interno delle mura domestiche.

Lo sai cos’è il… giardino idroponico e la coltivazione idroponica?

Uno di questi è quello della startup americana Grove Labs, nata da un’idea di due studenti del Massachusetts Institute of Technology, Jamie Byron e Gabe Blanchet: il loro progetto unisce l’autoproduzione del cibo alle nuove tecnologie, facilitando il giardinaggio indoor.

La tecnica di Grove Labs permette di allevare persino pesci, oltre a ‘classico’ orto biologico, drettamente in casa, attraverso l’utilizzo di un’apposita apparecchiatura dotata di sensori e luci a led che danno la possibilità di coltivare anche laddove il clima non lo permette o la luminosità risulta scarsa. Si tratta di una variante della tecnica idroponica, grazie alla quale le piante non crescono nel terreno bensì nell’acqua, arricchita di sostanze nutrienti.

Grove Labs

Grove Labs, per coltivare l’orto in casa o direttamente in cucina!

Ma come funziona esattamente questo dispositivo per coltivare l’orto in casa? L’apparecchiatura regola temperatura e grado di illuminazione per fornire le condizioni climatiche ottimali, controla e dosa i batteri nitrificanti presenti che trasformano i rifiuti organici dei pesci in utile concime per le piante, che intanto filtrano l’acqua restituendola pulita ai pesci.

Scopri… come fare un giardino idroponico fai da te

I consumatori, soprattutto quelli che vivono in spazi ristretti e non hanno a disposizione un giardino o un terrazzo da dedicare alla coltivazione, potrebbero essere attratti da questa tecnica che dà la possibilità di avere ortaggi freschi tutto l’anno e a portata di mano, ad esempio direttamente nel salotto o in cucina. I due fondatori pensano infatti di progettare un apposito kit per costruire “fattorie casalinghe”, di varie grandezze a seconda delle esigenze dei clienti.

Grove Labs

come funziona Grove Labs

Blachet, nella sua intervista su Repubblica.it, dichiara che il loro intento non è sostituire il giardinaggio all’aperto o le fattorie naturali. Il loro scopo è quello di “dare accesso a cibo sano, sostenibile e locale a tutta la popolazione del pianeta”, soprattutto nei luoghi in cui non si ha la possibilità di coltivare cibo all’aperto.

Scopri: orto sul balcone, ecco come farlo

Inoltre, Grove Labs sta al passo coi tempi, in particolare con l’attuale rivoluzione del cosiddetto ‘internet delle cose’, ossia l’estensione della rete a dispositivi del mondo reale. Infatti, tutte le loro “fattorie casalinghe” potranno essere controllate a distanza attraverso un’apposita app, direttamente dal proprio smartphone.

E’ grazie a progetti come questo che forse arriverà un’altra rivoluzione: quella dell’agricoltura urbana all’interno delle proprie abitazioni!

Tutti i dettagli di questo interessante progetto si trovano sul sito www.grovelabs.io.

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 1 comment… read it below or add one }

Sara settembre 19, 2014 alle 2:54 pm

Complimenti per l’idea. E’ veramente bello e stupisce tutti.
Sara

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *