Honeybush: cos’è e quali proprietà possiede

di Marco Grilli del 2 aprile 2016

Honeybush, cos’è e a cosa serve questa pianta particolare che viene dall’Africa ed è ricca di proprietà sia eccitanti che espettoranti.

Col nome di ‘cespuglio di miele’ (honeybush in inglese, nome botanico cyclopia) s’indica una pianta originaria del Sudafrica e appartenente alla famiglia delle leguminose, utilizzata per la preparazione di té e bevande dalle proprietà benefiche.

Cresce spontanea in una ristretta area a est di Città del Capo (nella zona di Fynbos), tra la costa e i rilievi montuosi dell’interno. È facilmente riconoscibile per il fusto legnoso, le foglie sottili e i bei fiori di colore giallo acceso, dal dolce profumo simile a quello del miele, da cui deriva il nome inglese. Gli stessi fiori presentano delle evidenti scanalature sui petali, due brattee fuse alla base intorno al pedicello e un calice piuttosto invadente, da cui deriva lo stesso nome cyclopia.

Leggi anche:

L’honeybush era conosciuto sin dall’inizio del Settecento all’epoca della dominazione olandese, ma il suo successo si affermò col successivo dominio inglese, perché quest’ultimi lo iniziarono a utilizzare per la preparazione del  della colonia del Capo del Sudafrica”, come si evince da una relazione redatta nel 1881. A questa bevanda erano attribuite numerose proprietà terapeutiche, specialmente per il trattamento della tosse e delle affezioni delle vie respiratorie.

Honeybush: le proprietà

Seppur privo di specifiche proprietà sedative, l’infuso di honeybush trasmette una sensazione di relax, distensione e benessere, tanto da esser utile nei casi di nervosismo, insonnia, stress, depressione e mal di testa. Benché privo di teina e caffeina e a basso contenuto di tannini, rappresenta una valida alternativa ai té tradizionali, risultando particolarmente adatto per un consumo notturno e per coloro che non vogliono assumere sostanze eccitanti.

L’honeybush  contiene il pinitolo, uno zucchero modificato che si ritrova generalmente negli alberi di pino e nelle foglie di alcune leguminose, dotato di proprietà espettoranti, perfetto contro la tosse e le malattie delle vie respiratorie. Il pinitolo, tra l’altro, pare abbassare il livello di zuccheri nel sangue e, come dimostrato da alcuni studi di laboratorio, potrebbe esser utile nel trattamento del diabete.

I benefici di questa bevanda non finiscono qui, perché è ricca di antiossidanti quali flavoni, isoflavoni, luteina e polifenoli, che combattono i radicali liberi, rallentano l’invecchiamento biologico, contrastano la degenerazione cellulare e abbassano il livello di grassi nel sangue. Pare inoltre che abbiano la proprietà di preservare il DNA, tanto che alcuni studi sugli effetti positivi dell’honeybush rivelano una sua efficacia nella  prevenzione di patologie gastrointestinali, cardiovascolari e alcune forme tumorali. Gli isoflavoni sono inoltre classificati come fitoestrogeni, utili nel trattamento dei sintomi della menopausa. La luteolina è invece il principale pigmento giallo dei fiori ed è da sempre utilizzata come tintura.

Scopri anche la nostra grande guida agli ingredienti della cucina naturale

Honeybush: a cosa serve

Per la preparazione del té e degli infusi, si utilizzano le foglie e i fiori di questa pianta, che è presente nell’area descritta in più di 20 specie, alcune delle quali diffuse in quantità limitate e  in zone molte ristrette segnate da habitat particolari (picchi e pendii umidi montuosi del sud, aree paludose). La più utilizzata per la preparazione delle bevande è la cyclopia intermedia.

Il té di honeybush contiene anche molti minerali come il ferro, il calcio, il rame, il fosforo, il magnesio, il potassio, il sodio, il manganese. Utile contro l’osteoporosi per l’alto contenuto di calcio, è anche un ottimo diuretico e depurativo, efficace nei casi di cattiva digestione e di ritenzione idrica.

Ipocalorico e privo di coloranti e conservanti, può esser bevuto senza problemi anche dai bambini e non necessita dell’aggiunta di zucchero.

Il té di honeybush

La produzione del té di honeybush comprende quattro fasi, simili a quelle della pianta di té vera e propria (la camellia sinensis): raccolta, taglio, fermentazione (ossidazione) ed essiccatura.

Honeybush: cos'è e quali proprietà

Honeybush: cos’è e quali proprietà possiede questa pianta sudafricana da cui si ricava un té dal sapore mielato

L’infuso di honeybush (e di roiboos) è commercializzato in Italia da Altromercato e altri, ma può esser acquistato anche online in diversi altri siti. Dissetante e dal sapore dolce e delicato con note mielate, è una bevanda adatta a tutti e ricca di proprietà benefiche, che può esser gustata sia calda che fredda, al naturale o con aggiunta di latte o miele. Concedetevela per un momento di benessere e relax, che vi recherà gli aromi di terre lontane.

Honeybush vs Roiboos

L’honeybush non va confuso con una pianta simile, il rooibosconosciuto .anche come redbush, che proviene dalla varietà aspalathus linearis e cresce negli altipiani interni vicino a Città del Capo. Dal roiboos si ricava per infusione una bevanda di colore rosso ambra dal gusto dolce e sentore di nocciola. Privo anch’esso di teina e caffeina benché abbia proprietà antiossidanti, antispasmodiche e – pare – anticancro, è anche ricco di minerali.

Dal roiboos si ricava per infusione una bevanda di colore rosso ambra dal gusto dolce e sentore di nocciola.

Dal roiboos si ricava per infusione una bevanda di colore rosso ambra dal gusto dolce e sentore di nocciola.

Tecnicamente sia il rooibos che l’honeybush non sono té, sebbene ne condividano il tipo di lavorazione, perché non contengono teina e pochissimi tannini; eppure viene comunemente chiamato té l’infuso che se ne ricava.

Prodotti simili che trovi in rete:

Immagini via shutterstock.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *