i.Car0 della GreenGo: la city car elettrica Italiana con un’autonomia di 165 km ad un prezzo inferiore ai 10.000 euro

di Salvo del 21 dicembre 2012

Siamo particolarmente contenti di presentarvi la nuova city car elettrica i.Car0, un progetto tutto italiano della società

GreenGo che è stata presentata allo scorso Motor Show di Bologna ed è finalmente un progetto tutto ITALIANO!.

La nuova i.Car0 (si legge ICARO e sta per Interconected Car Zero emission) ed è una vettura elettrica ideata per la città che ha un unʼautonomia di 165 chilometri (leader nel segmento) e che permette di arrivare a duna velocità massima di 75 km/h più che adatta in ambito urbano.

La i.Car0 è mossa da motore da 6kW alimentato da una batteria al litio da 72V a 150 Ah ma potete leggere tutte le caratteristiche tecniche della nuova i.Car0 qui: Icar0CaratteristicheGenerali

La nuova i.Car0 è dotata di un avanzato sistema di connettività che,  via satellite permette 24 ore su 24 di connettersi con la centrale operativa Green Go, permettendo di:

  • verificare in tempo reale tutti i parametri delle batterie e di funzionamento del veicolo stesso
  • consultare la cartografia per sapere dove sono i punti di ricarica per le batterie.
  • chiedere aiuto in caso di incidenti

A questo punto sarete curiosi di sapere il prezzo ovviamente e dove verrà venduta: la nuova i.Car0 arriverà sul mercato in 300 concessionarie a partire da febbraio 2013, sarà disponibile in tre diversi allestimenti di cui possiamo già darvi un’indicazione di prezzo:

  • la versione Base partirà a 9.890 euro
  • la versione L sarà in vendita a 11.500 euro
  • la versione VIP invece costerà 13.000 euro

Tutti i prezzi indicati sono Iva inclusa. Per quanto riguarda invece le batterie, esse sono escluse ma potranno essere noleggiate con un programma  personalizzato che prevede assistenza e upgrading gratuito per l’intero ciclo di vita.

Guarda le foto

SFOGLIA LE IMMAGINI DELLA i.Car0 della GreenGo

i.Car0 della GreenGo

GreenGo è una giovane Società italiana che ha come core business quello di progettare, realizzare e commercializzare soluzioni per la mobilità a basso impatto ambientale in ambito urbano.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale: http://greengomoving.it/

{ 1 comment… read it below or add one }

Biagio Costa gennaio 8, 2015 alle 7:40 pm

Io vengo da un’esperienza completamente negativa sulla Greengo Icaro la quale mi ha lasciato a piedi ben 3 volte, cioè ogni 2000 km io resto a piedi per guasti. In poco più di un anno ho usato la macchina solo 6 mesi, e sono veramente troppo pochi. La mia vettura si è fermata il 12 ottobre e, tremate, la macchina non mi è stata ancora riconsegnata. La cosa raccapricciante è che mi hanno detto che l’hanno riparata in tempi record. Record ??? E se erano lenti avrei sicuramente accompagnato mio figlio alla laurea con la mia Icaro che, per ora, altra idiozia è ferma a Palermo. Nessun controllo qualità per questa vettura, nessuna assistenza e, quello che è peggio, nessuna persona che ti comunichi dove si trovi la vettura in questo momento. Grazie Greengo avete fatto di un neofita appassionato un cliente insoddisfattissimo. Peggio nn si può. I clienti si coccolano quando si ci si sbaglia e non si fa in modo che lo stesso cliente, che ricordo, ha acquistato la Icaro a ben € 15.000. diventi il rompiscatole che, a mio modo di vedere, ha mille ragioni dopo tre mesi di blocco totale della vettura, telefoni 3 e 4 al giorno a persone diverse per avere informazioni che gli sarebbero dovute arrivare senza dover tergiversare. Se la migliore pubblicità la fa un cliente soddisfatto, devo dire, che si è troppo lontani. Non so cosa dire, certamente se avessi la possibilità di potermela rivendere lo farei senza pensarci due volte. Macchina inaffidabile, e assistenza troppo lenta nel dover agire per risolvere il problema. Doveva essere interconnessa, anche se ancora non capisco a cosa o a chi. L’avevo acquistata anche per i 165 km di autonomia tanto decantati all’inizio che in realtà non arrivano a essere poco più di 100. Troppe promesse e troppe bugie da parte di tutti cominciando dal vertice per finire alla base della piramide societaria

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *