I ghiacciai piemontesi a rischio: in 50 anni sono ridotti della metà

di Luca Scialò del 13 dicembre 2013

I ghiacciai piemontesi sono dimezzati nell’ultimo cinquantennio. A lanciare l’allarme è il progetto di ricerca intrapreso dall’Università degli Studi di Milano insieme a Levissima, che fa il paio con l’analisi dei ghiacciai lombardi realizzato lo scorso maggio. Si è arrivati a questa conclusione confrontando le foto recenti scattate alle aeree a grande scala e i dati del precedente catasto realizzato dal Comitato Glaciologico Italiano nel 1959-1962.

LEGGI ANCHE: Scioglimento ghiacci, la Groenlandia scomparirà in 500 anni

Questi i numeri: i ghiacciai piemontesi passano da 118 a 98, e la loro superficie totale si è appunto dimezzata (-50,2%), passando da 56,4 kmq a 28 kmq.

Da qui nasce la necessità di creare un ‘catasto’ dei ghiacciai italiani, che sarà reso possibile grazie al Comitato Ev-K2-Cnr e del Comitato Glaciologico Italiano, che monitora lo “stato di salute” dei ghiacci delle nostre Alpi, principale indicatore dei cambiamenti climatici in atto.

LO SAPEVI? Le Alpi italiane, un gioiello rovinato dalla pessima gestione del territorio e da abusi edilizi

In Piemonte c’è un gran varietà di ghiacciai da quelli di piccole dimensioni delle Alpi Marittime, a quelli grandi che si trovano sulle montagne più alte di 4.000 m, come il Gran Paradiso e il Monte Rosa (-37 %).

Oltre allo scioglimento si verifica un’altro fenomeno: la frammentazione, che porta un unico ghiacciaio a spaccarsi in più ghiacciai di minore estensione.

LEGGI ANCHE: Ghiacciai alpini, si estingueranno entro il 2100

Sempre per il cambio climatico, alcuni ghiacciai si sono accorpati. Il caso più interessante è il Belvedere, sul Monte Rosa, considerato un “ghiacciaio nero” (perché coperto da pietre e detriti morenici), dove si è verificato, nel 2002, un tale aumento di area e spessore con la superficie e di spessore da far nascere persino un lago, il Lago Effimero.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *