I giovani americani non comprano più auto

di Simona Treré del 16 dicembre 2012

I produttori di auto americani sono preoccupati perché i millennial – i giovani nati tra la fine degli anni ottanta e i primi anni duemila – non sembrano essere interessati a possedere una macchina.

Si tratta di un passaggio generazionale o è un problema dell’economia attuale?

Molti analisti hanno notato come i ragazzi si preoccupino più di comprare l’ultimo smartphone o l’edizione di un videogioco, che ottenere la patente. Così, per stare al passo coi tempi, le case automobilistiche inseriscono nelle auto elementi sempre più tecnologici (display, tablet,accessi USB per smartphone).

LO SAPEVI CHE: Si vendono più bici, sarà la crisi, la benzina alle stelle o anche un poco di coscienza verde…

Il problema è che i nati nella decade precedente gli anni duemila stanno ritardando tutti i ‘marcatori’ tradizionali dell’età adulta, tipici delle generazioni precedenti: fare figli, comprare casa e, appunto, l’auto. Può sembrare un sintomo di immaturità o superficialità ma forse la spiegazione è molto semplice. Il panorama economico in cui sono cresciuti è totalmente diverso da quello che ha visto crescere i loro genitori.

Come si può decidere di comprare casa e impegnarsi in un mutuo se si è sotto-occupati, o peggio, disoccupati? Come si può acquistare un auto, pagare l’assicurazione e la manutenzione (per non parlare del carburante), se non si è finanziariamente indipendenti?

VAI A: Bicycle City, ovvero le biciclette per uscire dalla povertà (video)

Un altro fattore che preoccupa i produttori di auto è il fatto che le nuove generazioni hanno più probabilità, rispetto alle generazioni passate, di vivere in una comunità urbana. Ciò significa dover considerare anche la concorrenza dell’utilizzo dei mezzi pubblici e di sistemi di condivisione dell’auto.

L’auto usata fuori dalla zone urbane significa libertà di spostamento, mentre in città significa stress, traffico e fatica per la ricerca di un parcheggio. Quindi, in un centro urbano anche medio-piccolo, scegliere di spostarsi a piedi, in bici o con la metropolitana diventa più economico e salutare che spostarsi in auto.

Sarebbe bello che questa scelta non fosse causata da fattori economici ma da una libera decisione personale dettata da motivi ecologici ed a favore della salute.

LEGGI ANCHE:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *